Ricerca: cani gelosi come gli esseri umani

Condividi!

LA STORIA DELL’EVOLUZIONE UMANA E CANINA E’ STATA PARALLELA PER MOLTO TEMPO

Un nuovo studio sul comportamento del cane ha dimostrato che la gelosia non è una caratteristica unica per l’uomo. E non sorprende, visto che l’uomo è solo un animale più intelligente degli altri.

I cani in lizza per l’attenzione dei loro proprietari assumono infatti comportamenti che suggeriscono che il sentimento della gelosia è un fattore molto forte.

Gli scienziati della University of California a San Diego hanno confermato la loro ipotesi studiando un numero di cani ed analizzando il modo in cui ciascuno ha reagito quando i loro proprietari mostravano affetto verso oggetti inanimati.

Quando i proprietari si mostravano visibilmente amorevoli e affettuosi verso un cane peluche (che abbaiava, piagnucolava e agitava la coda meccanizzata), la maggior parte dei cani reali ha mostrato aggressività verso i ‘rivali’. Quando i proprietari si comportavano allo stesso modo verso un oggetto inanimato non riconducibile ad un cane – come un secchio – solo una manciata di cani sembrava pagare una qualsiasi attenzione.

Nello studio, pubblicato questa settimana sulla rivista PLoS ONE, l’autore e San Diego professore di psicologia Christine Harris ha concluso che i risultati indicano i cani gelosi proprio come gli esseri umani.

Lo studio si basa su ricerche precedenti che mostra anche i bambini hanno lo stesso comportamento.

Molti fanatici hanno supposto che la gelosia è una costruzione sociale degli esseri umani – o che si tratta di un’emozione particolare legata a rapporti sessuali e romantici”, ha detto Harris. “I nostri risultati mostrano che anche gli animali hanno una forte angoscia ogni volta che un rivale li toglie l’attenzione di una persona cara.”

La natura è ciò che siamo, la società ne è solo espressione, semmai le sue influenze si riverberano poi ancora, ma sempre a partire dall’impronta naturale. Tutto il concetto del ‘costrutto sociale’ è privo di senso e figlio di ideologia sopravvissute a se stesse.

In altro studio, il Dr.Greg Berns della Emory University ritiene di poter provare che un cane possa capire quello che il suo proprietario sta dicendo.

“Più studio i cani e più studio il loro cervello, più sono le somiglianze che vedo con il cervello umano”, ha detto Berns a WGCL-TV .

“Sono intelligenti, sono emotivi, e sono stati ignorati in termini di ricerca per capire come pensano. Quindi, siamo tutti interessati a cercare di sviluppare modi per capire come funzionano le loro menti.”

Berns utilizza una risonanza magnetica per studiare il cervello di un cane.

«E così quello che abbiamo trovato in questo esperimento è che il centro di elaborazione della ricompensa nei cani, quindi sostanzialmente la parte del cervello che è una specie di anticipazione positiva alle cose, risponde particolarmente al profumo degli umani che conoscono”.

Berns ha utilizzato un centro di test a Sandy Springs per il processo di valutazione. Le persone hanno portato i loro cani per la sperimentazione.
“Hanno bisogno di essere diligenti con i compiti”, ha detto Berns.

“Attualmente, stiamo cercando di capire che cosa i cani percepiscono del mondo. Tipo cosa vedono quando vedono esseri umani, cani, altri animali, automobili, ecc quindi l’idea è, almeno negli esseri umani e anche in alcuni scimpanzé e scimmie, ci sono parti del cervello specializzate per l’elaborazione visiva di tutte queste cose, e così quello che stiamo cercando di stabilire è se questo vale anche per un cane.




Lascia un commento