Mare Nostrum senza frontiere, ma si perdono 60 clandestini…

Condividi!

Un nuovo naufragio, con un possibile bilancio di circa 60 morti, sarebbe avvenuto in acque libiche a una trentina di miglia dalla costa.

Lo hanno riferito alcuni dei clandestini – forse per fare pena – che erano a bordo di un barcone che sarebbe affondato: 62 di loro sono stati tratti in salvo da un mercantile dirottato dalla guardia costiera italiana.

“A bordo eravamo più del doppio”, hanno raccontato.

Cosa c’entra la guardia costiera italiana con quello che accade in acque libiche? Perché non occuparsi anche di quelle brasiliana, già che ci sono.




Lascia un commento