Sessanta islamici assaltano convento, suore stuprate

Condividi!

Circa 60 uomini islamici hanno assaltato e saccheggiato un convento nel tentativo di violentare le suore.

L’attacco è avvenuto il 6 luglio, ed è solo l’ultimo esempio di violenza contro un’istituzione cattolica in Bangladesh.

Gli aggressori hanno prima legato mani e gambe di due guardiani notturni della missione nelle prime ore del mattino. Hanno poi sfondato la porta della stanza dove il vice parroco Padre Anselmo dormiva. Hanno poi fatto irruzione nel convento situato nella missione.

Le suore hanno anche subito un tentativo di stupro – non si sa quanto riuscito – e stanno cercando di superare lo shock.

“E ‘molto triste che le suore non possano continuare a lavorare per la gente, ma le nostre sorelle non sono più al sicuro”, ha detto Rosaline Costa, attivista cattolica dei diritti umani.

I cristiani locali vivono nella paura e costituiscono solo lo 0,8 per cento degli abitanti del distretto di Dinajpur, dove è avvenuto l’assalto. I musulmani rappresentano circa il 77 per cento, seguiti dagli induisti al 21 per cento.




Lascia un commento