Magistrato: ‘Dopo matrimoni gay, inevitabile legalizzare incesto’

Condividi!

Dopo i magistrati che hanno imposto lo sbarco dei clandestini come ‘profughi’, un altro giudice australiano ha detto che l’incesto non può più essere un tabù e che la comunità può ora accettare il sesso consensuale tra fratelli adulti.

A dimostrazione di come la magistratura sia l’avanguardia dell’entropia in tutto l’occidente.

Il giudice Garry Neilson, del tribunale distrettuale nello stato del New South Wales, ha paragonato incesto all’omosessualità, che una volta era considerata criminale e “innaturale”, ma è ora – dice lui – ampiamente accettata. E in effetti, il suo ragionamento non fa una piega: una volta aperta la diga, non puoi scegliere quale acqua far passare.

Ha detto che l’incesto è ormai un crimine solo perché può portare ad anomalie nella prole, ma questa logica è sempre più irrilevante per la disponibilità della contraccezione e dell’aborto. Incesto e aborto, quando due crimini si ‘annullano’ a vicenda.

“Una giuria potrebbe trovare nulla di sconveniente nel sesso tra fratelli”, ha detto il giudice.

“Se fossimo nel il 1950, una giuria di 12 uomini direbbe che è innaturale per un uomo essere interessato a un altro uomo o un uomo interessato a un ragazzino. Oggi non è più così”. Ci siamo ‘evoluti’.
articoli correlati

Neilson ha formulato le sue osservazioni durante il processo di un fratello accusato di aver violentato sua sorella minore. L’uomo si è dichiarato colpevole di aver aggredito sessualmente la sorella quando aveva 10 o 11 anni nel 1973 o 1974, ma si è dichiarato non colpevole delle accuse relative al sesso che avevano avuto nel 1981, quando lei aveva 18 anni e lui 26.

“A quel punto entrambi sono adulti maturi”, ha detto il giudice. Un pazzo scatenato. Ma nel sentiero della pazzia che oggi è considerata ‘normalità’.

 




Un pensiero su “Magistrato: ‘Dopo matrimoni gay, inevitabile legalizzare incesto’”

Lascia un commento