Udine: nasce tendopoli per clandestini infetti – FOTO

Condividi!

LA TENDOPOLI SERVIRA’ A VISITARE I CLANDESTINI SBARCATI CON MARE NOSTRUM E POTENZIALMENTE INFETTI: MA NON DOVEVANO ‘VISITARLI’ SULLE NAVI?

PALMANOVA – Non si sa quando arriveranno, sono 120 clandestini in arrivo in provincia di Udine. Non sarà l’ultima ondata sotto l’egida Renzi-Al Fano. Verranno smistati fra strutture alberghiere, appartamenti o unità abitative.

La riunione operativa nel palazzo della Prefettura di Udine, a distanza di meno di un mese dall’ultimo arrivo, è stata convocata martedì dal prefetto Provvidenza Delfina Raimondo con un preavviso di mezz’ora. Le comunicazioni del Ministero erano essenziali: si sapeva solo che c’era la necessità di trasferire in regione oltre un centinaio di ‘migranti’ nell’arco di poche ore, di cui una trentina in provincia di Udine. Così sono state mobilitate le associazioni succhiasoldi pubblici come Caritas e Vicini di casa, il Comune di Udine, i vertici del comando provinciale dei Carabinieri e Comitato provinciale della Croce rossa.

Si tratta di una trentina di clandestini, che saranno inizialmente accolti in un’area appositamente attrezzata nei pressi dell’ospedale. Perché potrebbero essere infetti.

È ormai il quinto trasferimento in provincia di Udine da quando, con “Mare nostrum”, una nuova marea di clandestini ha cominciato ad assaltare le coste italiane.

Secondo la prefettura, i clandestini saranno ‘sottoposti a visite mediche e accertamenti diagnostici che permettano di escludere la presenza di varie forme di tubercolosi, fra le quali alcune resistenti agli antibiotici, individuare eventuali infezioni da Hiv, o patologie infettive di altro tipo, e predisporre i presidi sanitari necessari prima che gli ospiti siano sistemati‘.

Ecco allor ail centro di smistamento a livello provinciale. E questo è interessante.

In sostanza, gli immigrati che sono già in Sicilia da giorni, a contatto con militari e volontari, non sono stati visitati, e possono quindi essere affetti da qualsiasi virus e patologia, altrimenti perché il piano di sui sopra? Insomma, il prefetto di Udine smentisce il Governo che ha sempre parlato di ‘visite sulle navi’.

Siamo veramente alla frutta. La strategia del governo Renzi è prendere l’Africa e smistarla in Italia, in tendopoli e lazzaretti senza nemmeno uno screening sanitario degno di questo nome, tanto che, a Udine, si deve approntare una sorta di tendone sanitario per controllare immigrati già in Italia da giorni, forse settimane.




Un pensiero su “Udine: nasce tendopoli per clandestini infetti – FOTO”

Lascia un commento