Uccide la moglie, l’INPS lo premia e il Governo gli fa lo sconto di pena

Condividi!

“Vi sembra giusto che un assassino percepisca la pensione della donna che ha ucciso, ex moglie e madre dei suoi due bambini?”.

E’ l’accusa disperata di Lorenzo Ballerini, fratello di Beatrice, uccisa e strangolata dall’ex marito, Massimo Parlanti, nel 2012.

Massimo Parlanti, reo confesso, è stato condannato con rito abbreviato a 18 anni di carcere, ma grazie ai vari provvedimenti svuotacarceri approvati dal Parlamento attuale, “probabilmente ne farà meno di dieci – dice Ballerini – ed ha fatto ricorso perché vuole uscire ancora prima”.

Dall’Inps il fratello di Beatrice ha saputo che, mentre i figli della donna prendono il 40% della pensione, all’ex marito va l’altro 60%. Ne avrà diritto a vita. Per fermare questo sopruso, Ballerini ha promosso una petizione sul sito Change.org.

“Mia sorella era una donna vera e forte, ammazzata da un individuo che non è mai riuscito ad essere uomo”.

Poi, si riempiono la bocca con termini vuoti come ‘femmicidio’, utili solo per fare bieca propaganda.




Lascia un commento