Ebola: infermieri in fuga da ospedali liberiani, virus fuori controllo

Condividi!

DRAMMATICHE ED INQUIETANTI NOTIZIE ARRIVANO DALL’AFRICA OCCIDENTALE

Come scrivono i media locali, gli infermieri del Rennie Memorial Hospital di Kakata, in Liberia, sono fuggiti per paura di contrarre il virus Ebola in seguito alla morte di un paziente la settimana scorsa.

Margibi County è stata una delle contee che il Ministero della Salute ha messo sotto sorveglianza.

Il paziente (una femmina) è stato portato all’ospedale dal marito, esponendo così l’intero ambiente all’infezione. Le infermiere “in assenza di dispositivi di protezione necessari, hanno concluso che era pericoloso per le loro, le loro famiglie e comunità continuare a curare i malati di Ebola “.

L’ospedale CH Rennie è il secondo degli ospedali nel quale gli infermieri abbandonano il lavoro in relazione al virus Ebola, che si sta rivelando difficile da trattare a dispetto degli sforzi nazionali e internazionali.

Infermieri e altri membri dello staff presso l’Ospedale di New Kru sono fuggiti lavoro quando un infermiere è stato contagiato da un paziente è morto per il virus Ebola.
Le ultime statistiche rilasciate dal Ministero della Salute, dicono che cinque operatori sanitari, almeno, sono tra i 49 morti di Ebola in Liberia.

Il 26 giugno, Michael Tengbeh, 35, un tirocinante dell’Istituto Kakata Teachers Training, è morto all’ospedale Rennie CH dopo essere risultato positivo ad Ebola.




Lascia un commento