Ebola: Croce Rossa in fuga dalla guinea

Condividi!

La Croce Rossa in Guinea ha sospeso tutte le operazioni contro Ebola nel sud-est del paese, dopo che il personale è stato minacciato da un gruppo di uomini armati di machete.

L’incidente è avvenuto a Gueckedou, circa 650 km a sud est della capitale Conakry, è l’ultima di una serie di minacce.

Un centro di Medicins Sans Frontieres nella vicina Macenta è stato attaccato da giovani due mesi fa dopo che il personale era stato accusato di portare la malattia in Guinea.

“La gente del posto armata di coltelli ha circondato un veicolo della Croce Rossa. Le nostre operazioni sono sospese per motivi di sicurezza”, ha detto un funzionario della Croce Rossa in Africa occidentale, chiedendo di non essere nominato.

“Immagino che questa non sarà l’ultima volta che questo accade”, ha aggiunto.

Lo scoppio della malattia in Guinea, Liberia e Sierra Leone è il più grande e il più mortale di sempre, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). L’organizzazione ha registrato 467 morti e 759 casi da febbraio.




Lascia un commento