Choc: ‘Angelo di Woolwich’ arrestata per ‘razzismo’

Condividi!

'Angel': Ms Loyau-Kennett was praised for confronting Fusilier Rigby's killers at this moment outside Woolwich barracks in London

La donna – nella foto – che affrontò da sola i due islamici africani che avevano sgozzato il soldato inglese Lee Rigby, è stata arrestata in GB per avere ‘ingiuriato con epiteti razziali’ un nigeriano.

La donna è conosciuta come l ‘Angelo di Woolwich’, il luogo dove Ingrid Loyau-Kennett, 49 anni, confortò Lee Rigby mentre stava morendo.

'Detenuto': Ingrid Loyau-Kennett, che confortò Lee Rigby dopo il suo attacco brutale maggio scorso, ha presumibilmente stato arrestato sotto il Mental Health Act dopo i rapporti che lei razziale abusato di un nero Tesco farmacista in Cornovaglia

La donna avrebbe detto ad un nigeriano, in una farmacia, che sarebbe dovuto essere in Nigeria, non in Inghilterra. Per questo, è stata fermata sotto il Mental Health Act. 

In tutti i totalitarismi i dissidenti vengono internati con motivazione di salute mentale. Il totalitarismo attuale non si distingue.

E’ giusto che, in una società malata come quella attuale, una donna come questa venga considerata pazza dai pazzi.

Dire ad un nigeriano dovrebbe stare in Nigeria è qualcosa di ‘sconvolgente’, di totalmente fuori luogo…

Chi dice la verità è considerato pazzo, in un mondo di pazzi.

Per inciso: i due tagliagole islamici erano nigeriani.




Un pensiero su “Choc: ‘Angelo di Woolwich’ arrestata per ‘razzismo’”

Lascia un commento