Vietato sostituire Balotelli, e l’Italia perde: basterà un pari con l’Uruguay

Condividi!

Ora abbiamo capito come mai Padre Prandelli ha lasciato a casa Destro – oltre Toni e Gilardino – non doveva esserci altra punta centrale al di fuori di ‘lui’. Quasi un comandamento.

‘Lui’ che poi, punta centrale, nemmeno lo è, non ne ha i movimenti e la capacità realizzativa.

Avere un’alternativa avrebbe reso più difficile non sostituirlo.

E’ bastato un goal fortunoso di sponda contro l’Inghilterra – che abbiamo visto contro l’Uruguay a che livello di difesa sia – per decretare l’italiano acquisito ‘fuoriclasse di tutti i tempi’.

Ecco, oggi, quel giocatore, sopravvalutato per ovvi motivi dai media, ha cambiato la partita. In peggio, quando nel primo tempo ha fallito un goal a porta semivuota. Con altre due nitide occasioni gettate al vento contro una Costa Rica che correva il doppio di noi, probabilmente per una preparazione atletica tutta calibrata sul girone, da squadra ‘piccola’ che non ha aneliti di vittoria finale.

Non ostante questo, Padre Prandelli, che evidentemente non può sostituirlo per contratto, è arrivato ad inserire Cassano, Insigne e Cerci. Non Immobile.

Che pena, la formazione fatta al ministero dell’integrazione che non c’è più.

CLASSIFICA GIRONE D

SQUADRA PTI G V N P GF GS
CSR 6 2 2 0 0 4 1
ITA 3 2 1 0 1 2 2
URU 3 2 1 0 1 3 4
ING 0 2 0 0 2 2 4

CLASSIFICA GIRONE E

E ora, siamo costretti a soffrire nell’ultima partita contro l’Uruguay di un attaccante vero, Suarez.

Basterà un pareggio.

Intanto ci siamo fatti degli ‘amici’ oltremanica, un giorno potevano tornare utili, a parti invertite. Ce la faranno pagare. Sportivamente, si intende.




Un pensiero su “Vietato sostituire Balotelli, e l’Italia perde: basterà un pari con l’Uruguay”

Lascia un commento