Mosul, non ci sono più cristiani: sterminati o in fuga

Condividi!

Tratto da Radio Vaticana – L’arcivescovo caldeo – cristiani dell’Iraq – Amel Nona, ha detto che gli ultimi cristiani rimasti a Mosul dopo l’invasione americana, hanno ora lasciato la città.

C’erano 35.000 cristiani a Mosul, fino al 2003: una pulizia etnica.

Descrivendo segnalazioni di attacchi alle quattro chiese e ad un monastero a Mosul, l’arcivescovo ha detto: “Abbiamo ricevuto minacce …  Adesso tutti i fedeli hanno abbandonato la città. Mi chiedo se potremo mai tornare lì “.

L’arcivescovo, che dopo l’attacco ha cercato rifugio a Tal Kayf, un villaggio a pochi chilometri da Mosul, ha detto che gli abitanti in fuga inondando fuori le città e le pianure di Ninive, dove ci sono una serie di antichi villaggi cristiani.

“Fino alle 5 del mattino [Martedì 10 giugno] abbiamo accolto famiglie in fuga e abbiamo cercato di trovare un alloggio in scuole, aule e case vuote.”

“Non abbiamo mai visto nulla di simile – una grande città come Mosul attaccata e nel caos.”

Ha detto che negli 11 anni successivi al 2003, dopo il rovesciamento Usa del presidente iracheno Saddam Hussein, i cristiani di Mosul erano scesi da 35.000 a 3.000 e che “ora, probabilmente, non ce n’è più neanche uno.”

L’arcivescovo ha detto che gli attacchi a Mosul sono iniziati lo scorso 5 Giugno, ma sono stati inizialmente confinati alla parte occidentale della città.

“L’esercito ha iniziato a bombardare le zone colpite ma più tardi nella notte tra lunedi e martedì, improvvisamente le forze armate e la polizia hanno lasciato Mosul, lasciandoci in balia degli aggressori.”




Lascia un commento