Mose, parla Orsoni e il PD trema: “Soldi erano per il partito”

Condividi!

ORSONI ACCUSA RENZIANI

Il sindaco di Venezia fa le prime ammissioni sul sistema corruttivo in Comune, ma nega di avere intascato mazzette a titolo personale: i soldi, dice, erano per il partito.
Era il PD a fare pressioni per i finanziamenti occulti.

“I soldi sono andati al Pd. E io vi posso anche indicare chi è quel Compagno X che ha ritirato i quattrini perché so chi si occupava dei finanziamenti per il partito in quel periodo”.

Queste le parole di Giorgio Orsoni che aprono uno squarcio sulla corruzione del Partito democratico.

I magistrati hanno già accertato che il Consorzio venezia Nuova ha pagato tangenti a PD e Forza Italia. Ma è il primo ad avere fatto la parte del leone.




Lascia un commento