Maldive: bande di islamici rapiscono giovani e turisti per ‘convertirli’

Condividi!

Vigilanti islamici hanno rapito e interrogato diversi giovani – anche turisti – a Malé, capitale delle Maldive, in una spinta per identificare attivisti online che sostengono la laicità o professano l’ateismo, lo riferisce il media locale, Minivan News.

Testimoni oculari hanno detto a Minivan news, che i giovani sono stati portati in luoghi isolati a Malé in diverse occasioni negli ultimi giorni.

Una folla di religiosi li ha interrogati sull’identità degli amministratori dei gruppi di Facebook che sostengono il secolarismo e l’ateismo nelle Maldive.

Nel frattempo, il Partito democratico maldiviano opposizione (MDP) ha rilasciato una dichiarazione che condanna i rapimenti e ha detto che gli ostaggi sono stati minacciati di morte. Il partito ha invitato il governo a prendere provvedimenti immediati.

I giovani sono stati minacciati e costretti a consegnare le password dei loro account Facebook.

Sono stati inoltre chiesto di identificare gli amministratori dietro ‘Movimento secolare delle Maldive ‘ e ‘Atei Maldive’ su Facebook.

Tutti i rapiti sono stati poi rilasciati, riferiscono le fonti.  

Una delle pagine è stata ‘requisita’ dagli estremisti e ora vi campeggiano le bandiere nere dell’Islam

Jennifer Latheef, un attivista per i diritti umani ed ex amministratore della pagina ‘Colorless‘, ha detto che i quattro amministratori del gruppo avevano ricevuto diversi avvertimenti da parte degli utenti di Facebook negli ultimi mesi per rimuovere commenti offensivi postati dai membri contro l’Islam.

Tuttavia, gli amministratori hanno scelto di consentire la libertà di parola.

Immagini che identificano gli amministratori del gruppo sono state poi pubblicate e diffuse on-line da un gruppo su Facebook denominato “Shariah4Maldives.

Il gruppo ha sostenuto amministratori ‘Colorless‘ avevano consentito “offese al Profeta Sallalaahu alayhi Wassalam e quando li abbiamo avvertito su questo problema, si sono rifiutati di rimuovere tali messaggi di scherno all’Islam.”

Domenica, infiltrati hanno espulsi e rimossi Jennifer e gli altri amministratori originali del gruppo senza preavviso.

Jennifer, che attualmente vive all’estero, ha detto che minacce di morte sono state emesse contro gli amministratori del gruppo.

“Ho paura per le Maldive. Ho paura per le persone che ci sono, “ha detto.

Gli analisti hanno espresso preoccupazione per la crescente minaccia dell’estremismo nelle Maldive.

Un recente rapporto del Dipartimento di Stato americano ha espresso preoccupazione per la radicalizzazione di gruppi giovanili.

Maldiviani sono morti in attacchi suicidi in Siria, e gruppi jihadisti on line la scorsa settimana hanno insultato i servizi di polizia delle Maldive che stavano indagando i morti.

I media maldiviani hanno anche detto di sentirsi minacciati dagli estremisti islamici.




Lascia un commento