Tempesta solare colpisce la Terra – VIDEO

Condividi!
Un brillamento solare di classe X1.3 (a destra) erutta dalla superficie del sole il 25 aprile GMT.

Il sole ha avuto una massiccia eruzione solare il 25 aprile, innescando un blackout temporaneo alle comunicazioni in alcune parti della Terra.

Il potente brillamento solare è stato registrato il 25 aprile alle 01:27 ora italiana , ed è stato classificato come una ‘tempesta solare di classe X1.3’, uno dei più forti tipi di eruzione che il sole può sperimentare, secondo un rapporto dello U.S. Space Weather Prediction Center (SWPC).

La NASA ha catturato il video dell’intensa attività solare in diverse lunghezze d’onda.

Il brillamento è avvenuto in una regione attiva per le macchie solari, conosciuta come ‘Regione 2035’ che si trova sul lato occidentale del Sole visto dalla Terra.

A causa della sua posizione, il bagliore ha scatenato un blackout radio ad alta frequenza per circa un’ora sul lato diurno della Terra, molto probabilmente sopra l’Oceano Pacifico secondo SWPC.

La “Regione 2035 è ora in rotazione  e non presenterà altri pericoli per molto tempo, ma potrebbe farlo nel futuro immediato,” secondo i funzionari SWPC.

Quando questa regione è rivolta direttamente verso la Terra, i brillamenti solari di classe-X possono mettere in pericolo gli astronauti nello spazio, così come interferire con le comunicazioni e i satelliti di navigazione in orbita.  I più potenti brillamenti di classe-X possono colpire anche le reti elettriche e altre infrastrutture sulla Terra.

Il brillamento solare di venerdì era il quarto della sua forza nel 2014.

Mentre questi sono le più potenti eruzioni sul sole, la stella anche vede di brillamenti solari di classe M più moderati (che possono creare effetti visivi all’aurora) e più deboli tempeste di classe-C.

Il sole è attualmente in una fase attiva del suo ciclo di 11 anni – in realtà una fase stranamente ‘calma’, che molti ritengono responsabile dell’attuale fase di raffreddamento climatico.

Questo evento mostra che un le infrastrutture terrestri sono impreparate in caso di un evento di classe-Z, avvenuto l’ultima volta nel 1859.  Capitasse oggi, in un ambiente totalmente dipendente dalla tecnologia, potrebbe causare il collasso della civiltà, con blackout totali e diffusi lunghi mesi.




Lascia un commento