Virus MERS si diffonde in Arabia Saudita: panico negli ospedali di Jeddah, medici ‘in fuga’

Condividi!

Jedda (Arabia Saudita) – Uno straniero è morto di MERS, mentre altre otto persone, tra cui cinque operatori sanitari sono stati infettati nella città saudita di Jeddah, dove la diffusione del coronavirus ha scatenato il panico.

La morte di un uomo di 45 anni, la cui nazionalità non è stata divulgata, porta il bilancio a livello nazionale nel paese più colpite al mondo a 68 vittime. Il governo ha inizialmente negato – succede sempre così – per poi confermare giorni dopo.

Il panico sulla diffusione del virus tra il personale medico ha portato alla chiusura del pronto soccorso del principale ospedale pubblico della città con i medici che si sono dati alla fuga.
Il ministro della Salute Abdullah al-Rabiah ha visitato ospedali a Jeddah nel tentativo di calmare i residenti.

I casi totali di infezione da MERS (Sindrome Respiratoria Medio Oriente), la cui prima comparsa nel regno nel settembre 2012, sono arrivati a 189, ha detto il ministero.
Il virus è stato inizialmente concentrata nella regione orientale, ma è ormai diffuso su più aree.

Il virus MERS è considerato un cugino mortale del virus della SARS scoppiatp in Asia nel 2003. Gli esperti stanno ancora lottando per capire MERS, per il quale non esiste un vaccino conosciuto.

Uno studio ha rivelato che il virus è stato “straordinariamente comune” nei cammelli per almeno 20 anni, e potrebbe essere stato passato direttamente dagli animali agli esseri umani.




Lascia un commento