Siria: estremisti islamici dissacrano chiese e saccheggiano case cristiane

Condividi!

Latakia, Siria – Circa 400 famiglie della città cristiana di Kessab si sono rifugiate a Latakia in seguito agli attacchi sulla loro città, mentre il destino degli altri abitanti della città rimane poco chiaro.

“Molte famiglie cristiane armene hanno cercato rifugio nella Chiesa armena e nella sala della chiesa”, ha detto l’attivista siriano della comunità armena Nerses Sarkissian nel corso di un colloquio telefonico con il giornalista del Weekly Khatchig Mouradian.

Kasabjihadists

Combattenti estremisti impegnati in rapina e la profanazione

I combattenti, per lo più estremisti di Al-Nusra, che sono entrati a Kessab stanno profanando chiese, saccheggiando case, e distruggendo edifici governativi, Sarkissian ha detto al settimanale.

Sarkissian ha sottolineato che i combattenti provenivano dal lato turco del confine e stanno ricevendo sostegno da parte dei militari turchi. Ha osservato che i feriti tra loro sono stati trasportati indietro in Turchia per ricevere cure mediche. Questo conferma la denuncia del governo siriano dopo l’abbattimento dell’aereo militare da parte dell’esercito turco.

L’ambasciatore della Siria in Libano ha visitato il Catholicos,  Aram I, ad Antelias il 22 marzo, trasmettendogli le rassicurazioni del presidente siriano Bashar al-Assad che la pace verrà ripristinata a Kessab.

Una delegazione di sacerdoti ha lasciato Antelias per Latakia il 23 marzo per valutare i bisogni ed esprimere la solidarietà del Catholicosato con la popolazione sfollata di Kessab .




Lascia un commento