E’ ufficiale, a Londra sbarca la Sharia: legge islamica entra nel sistema legale britannico!

Condividi!

E così ci siamo. La legge islamica fa il suo ingresso nel sistema legale europeo. Lo fa in Gran Bretagna, dove è stata inserita nel sistema legale britannico per la prima volta nelle linee guida per gli avvocati nell’elaborazione dei testamenti “Sharia compliant” lo definisce il Telegraph.

Sotto le linee guida, definite da un organismo ufficiale britannico, The Law Society, gli avvocati di High Street saranno in grado di scrivere testamenti islamici che negano alle donne una quota uguale di eredità ed escludono del tutto gli infedeli.

I documenti, che sarebbero riconosciuti dai tribunali della Gran Bretagna, impedirebbero anche che i bambini nati fuori dal matrimonio – e anche quelli che sono stati adottati – da essere contati come eredi legittimi.

Chiunque si fosse sposato in una chiesa, o in una cerimonia civile, potrebbe essere escluso dalla successione in base ai principi della Sharia, che riconoscono solo i matrimoni musulmani per scopi di successione.

Nicholas Fluck, presidente di The Law Society, ha detto che le linee promuoveranno la “pratica” in applicazione dei principi islamici nel sistema legale britannico .

Alcuni avvocati, tuttavia, hanno descritto la cosa come “stupefacente”, mentre gli attivisti hanno avvertito che rappresenta il primo passo sulla strada di un “sistema giuridico parallelo” per le comunità musulmane della Gran Bretagna. Uno Stato nello Stato.

La Baronessa Cox, che sta conducendo una campagna parlamentare per proteggere le donne dalla discriminazione religiosa sancita anche dai tribunali della sharia in Gran Bretagna, ha detto che è uno sviluppo “profondamente preoccupante” e ha promesso di protestare con i ministri .

“Questo viola tutto quello che rappresentiamo”, ha detto . “Farebbe rigirare le suffragette nelle loro tombe.”

Le linee guida, tranquillamente pubblicate questo mese e distribuite agli avvocati in Inghilterra e Galles, dettaglia come i testamenti dovrebbero essere formulati per adempiere alle tradizioni islamiche pur essendo valide ai sensi del diritto britannico, aggirandolo.

Si suggerisce l’eliminazione o la modifica di termini giuridici standard e anche parole come “bambini” per garantire che a quelli ritenuti “illegittimi” sia negato qualsiasi reclamo per l’eredità.

Si raccomanda che alcuni testamenti comprendano una dichiarazione di fede in Allah redatta in una moschea locale, e in tribunali della Sharia .

E suggerire che i principi della Sharia potrebbero potenzialmente prevalere su quelli britannici in alcuni contenziosi, fornendo esempi di settori che avrebbero bisogno di essere testati nei tribunali inglesi.

Attualmente , i principi della Sharia non sono formalmente inclusi nelle leggi della Gran Bretagna. Tuttavia, una rete di tribunali della Sharia è cresciuta parallela nelle comunità islamiche per le controversie tra le famiglie musulmane.

Alcuni sono ufficialmente riconosciuti e operano ai sensi della legge sull’arbitrato. Un po’ come da noi i giudici di pace, solo che applicano la sharia e non la legge inglese.
E hanno il potere di affrontare questioni come la violenza domestica, conflitti familiari e battaglie di successione.

Ma anche molti tribunali della Sharia non ufficiali sono in funzione, spesso basati nelle moschee che si occupano di divorzi religiosi e persino di affidamento dei figli in linea con l’insegnamento religioso.

Uno studio ha stimato che oggi ci sono stati circa 85, quelli che operano in Gran Bretagna. Ma il nuovo orientamento della Law Society rappresenta la prima volta che un organismo giuridico ufficiale riconosce la legittimità della Sharia .

Spiega come, nel costume islamico, le successioni sono divise e riconosce la possibilità di persone che hanno matrimoni multipli .
‘Gli eredi maschi nella maggior parte dei casi ricevono il doppio della somma ereditata da un erede femmina della stessa’, dice la guida . I non musulmani non possono ereditare, e solo i matrimoni musulmani sono riconosciuti.

Keith Porteous Wood, direttore esecutivo della National Secular Society, ha dichiarato : “Questo segna un’ulteriore tappa nel minare le basi del sistema legale britannico del diritto e dei diritti umani e democratici, a favore della legge religiosa di un’altra epoca e di un’altra cultura . La leegge sulla parità britannica è la più ampia di qualsiasi altra parte del mondo. Invece di proteggerla, The Law Society sembra determinata a sacrificare i progressi compiuti negli ultimi 500 anni. ”

Lady Cox ha detto : ” Ognuno ha la libertà di fare la propria volontà e ognuno ha la libertà di lasciare che quei testamenti riflettano le sue credenze religiose. Ma questa è una politica che è discriminatoria di per sé in un modo che avrà implicazioni molto gravi per le donne e per i bambini. Ed è una questione di profonda preoccupazione”.

Prossimo passo, la lapidazione.




2 pensieri su “E’ ufficiale, a Londra sbarca la Sharia: legge islamica entra nel sistema legale britannico!”

Lascia un commento