Malata di sclerosi buttata fuori casa, per fare posto ai clandestini

Condividi!

Pasquina, 54 anni, affetta da sclerosi multipla, è stata buttata in strada questa mattina a Roma nel quartiere Giardinetti. A nulla sono valsi i tentativi di bloccare lo sfratto.

Vedova disabile con due figli, di cui uno minore, Pasquina percepisce una pensione di 700 euro, l’equivalente esatto del canone d’affitto che non è più in grado di pagare dopo la morte del marito.

Intanto Roma – come il resto delle città italiane – si appresta ad accogliere qualche migliaio di clandestini in arrivo da Lampedusa che saranno alloggiati in hotel. Loro non prenderanno 700€ al mese, ma 45€ al giorno, 1350€ al mese. Come sappiamo, Alfano e Renzi sono a caccia di case e strutture per ospitare i nuovi arrivati, una si è ora liberata.

La signora, può sempre rivolgersi a Carrai, Renzi può darle l’indirizzo. Ma non avendo nulla da dare in ‘cambio’, difficilmente verrà accolta nella casa di Firenze.
Questo è il destino che toccherà a tutti gli italiani delle fasce più deboli: sostituiti dagli immigrati nelle case popolari e nel welfare.




Un pensiero su “Malata di sclerosi buttata fuori casa, per fare posto ai clandestini”

Lascia un commento