Banda di arabi pesta ebreo e gli disegna svastica sul petto

Condividi!

Ora, gli ebrei di Francia hanno paura, e si apprestano a votare in massa per Marine Le Pene.

Un insegnante ebreo di Parigi, è stato aggredito da tre arabi che dopo averlo pesantemente insultato e picchiato, gli hanno disegnata una svastica sul petto.
L’attacco è avvenuto nella notte di giovedì. E’ il secondo episodio in pochi giorni.

“Lo hanno messo al muro e colpito al viso, agli occhi e sul petto”, dice il rapporto. I colpi gli hanno rotto il naso.
“Uno degli autori ha aperto la camicia della vittima e con un pennarello nero ha disegnata una svastica sul petto nudo dell’uomo,” Sammy Ghozlan, ha scritto nel rapporto della BNVCA, che è una associazione ebrea.

La vittima, che indossava una kippah, al momento dell’attacco, è stato identificato come Richard K.

Ha detto alla polizia che i tre uomini che lo hanno attaccato erano di origine nordafricana ed erano ventenni. La violenza è avvenuta vicino alla stazione ferroviaria Gare du Nord.

Gridavano “Morte agli ebrei” e lo chiamavano “Sporco Ebreo” in francese e altri insulti in arabo che Richard, salvato da un passante, non capiva.

BNVCA ha registrato una raffica di episodi di antisemitismo in Francia nelle ultime settimane.
Mercoledì scorso, l’anniversario di due anni della strage islamica a Tolosa, il presidente della comunità ebraica locale ha incoraggiato i giovani ebrei a lasciare la Francia.

Arie Bensemhoun, il presidente della comunità, ha detto che i giovani ebrei dovrebbero lasciare Tolosa perché non possono praticare il giudaismo apertamente e senza paura.

“Non nego che, sì, incoraggio i giovani a fare aliyah [emigrare in Israele] o andare altrove, dove possono prosperare senza temere costantemente su cosa accadrà domani”, ha detto Bensemhoun.

Il 19 marzo 2012, il 23enne, ‘francese’ per Ius Soli, l’islamico marocchino Mohammed Merah è arrivato armato in una scuola ebraica a Tolosa, dove ha ucciso la bambina di otto anni, Miriam Monsonego insieme con il rabbino Jonathan Sandler e i suoi due figli, Arieh e Gabriel.

Immaginate se l’ebreo fosse stato assalito e una svastica disegnata sul petto da tre individui con i capelli corti corti, che battage mediatico. Invece nulla.




Un pensiero su “Banda di arabi pesta ebreo e gli disegna svastica sul petto”

Lascia un commento