Comune di Roma invita alla delazione contro chi non paga ‘pizzo Rom’

Condividi!

“Non si può non essere consapevoli della gravità di atti di questo tipo, a maggior ragione alla vigilia della Giornata mondiale contro il ‘Rassismo’. Chiedo a tutti i cittadini romani di essere vigili e responsabili, affinché in città il seme del ‘rassismo’ trovi le parole, la cultura e l’impegno per essere contrastato con forza. Non deve prevalere un clima di odio e intolleranza che inquina e avvelena la vita cittadina di tutti”. Lo dichiara, in una nota, l’assessore al Sostegno Sociale (dei Rom) e Sussidiarietà di Roma Capitale, l’inutile Rita Cutini.

Intanto il seme della scemenza ha attecchito benissimo in Comune.

Borseggiatori scatenati su bus e metro: 12 arresti in 48 ore

Senza patente e contromano causa fratture multiple a centauro: poi dà la colpa al figlio

Roma: fucili d’assalto scoperti in Campo Nomadi del Comune

Insomma, vietato difendersi dagli zingari. Vietato opporsi alle loro molestie, minacce e furti. Il Comune li semina ovunque, e non fa nulla per ripristinare l’ordine, ma se un esercente si ribella al ‘pizzo’ Rom, affiggendo un cartello, allora l’amministrazione invita alla delazione. Mandarli a casa.

FURTI E MOLESTIE: ‘VIETATO L’INGRESSO AGLI ZINGARI’, COMMERCIANTE SI RIBELLA AL PIZZO ROM




Lascia un commento