Scandalo pedofilia in GB: dopo politici, anche consigliere Regina membro lobby pro-pedofilia

Condividi!

Uno dei giudici più importanti della Gran Bretagna, consigliere legale della Regina, ha  condotto una campagna per sostenere attivamente un gruppo pedofilo che ha cercato di legalizzare il sesso con i bambini, lo rivela  The Mail on Sunday. A dimostrazione di come la lobby sia potente.

Lord Justice Fulford, nominato lo scorso anno come consulente della Regina, era un sostenitore chiave del famigerato Paedophile Information Exchange (PIE), che la polizia sospetta abbia abusato bambini in ‘scala industriale’. 

Un’indagine dal Mail ha scoperto che Fulford era membro fondatore della campagna per difendere il PIE mentre questi faceva lobby apertamente chiedendo di abbassare l’età del consenso a soli quattro anni.

Implicato: Lord Justice Fulford, raffigurato nella sua pompa magna legale, è stato nominato lo scorso anno come consulente alla Regina

Le tesi promosse dal PIE ricalcano in parte quelle di Vendola di qualche anno fa.  Lord Fulford ha infatti pubblicato un opuscolo nauseante nel quale sosteneva che i bambini dovrebbero essere liberati dall’oppressione dei loro genitori per avere rapporti sessuali con adulti.

Il documento di 60 pagine, portato alla luce da The Mail on Sunday, è colmo di immagini inquietanti infantili e cartoni animati a sfondo omosessuale.

Al momento l’organizzazione ha cambiato nome, ma ha lo stesso indirizzo postale. Quando è stato chiesto la scorsa notte sul suo coinvolgimento nel gruppo, Fulford ha detto: ‘Non ho alcun ricordo di aver partecipato con la sua fondazione o al dettaglio del lavoro di questa campagna.’

Fulford è il personaggio pubblico più importante ad essere implicato nel lavoro di PIE.

Le rivelazioni di oggi seguono le aspre polemiche sui ruoli dei notabili del partito laburista britannico,Patricia Hewitt, Harriet Harman e suo marito Jack Dromey, che sono stati tutti coinvolti nel Consiglio Nazionale per le Libertà Civili dei gay (NCCL) quando contava attivisti pro-pedofilia tra i suoi membri.

Ieri sera Fulford ha detto: ‘Il comitato per i diritti dei gay NCCL non avrebbe mai dovuto permettere a membri del PIE di partecipare alle sue riunioni.  ‘Sono molto dispiaciuto per quello che è successo. Non ho mai sposato o in alcun modo sostenuto gli obiettivi del PIE – l’abuso dei bambini – che ritengo del tutto sbagliato ‘.

Le rivelazioni danno fiato a chi chiede un esame completo dei collegamenti tra l’establishment politico, giudiziario e mediatico britannico e gruppi pedofili, dopo le accuse di coperture altolocate che hanno permesso a molti pedofili di farla franca.

 




Lascia un commento