Ucraina: ambasciatore israeliano incontra leader ‘neo-nazista’, contatti dal 2013

Condividi!

L’ambasciatore di Israele a Kiev, Reuven Din El, ha aperto una linea diretta con il movimento ultra-nazionalista ucraino ‘settore destro’ per “prevenire provocazioni”, secondo un accordo raggiunto la scorsa settimana. Un movimento che, in Italia, i vari soloni definirebbero con immediatezza ‘neo-nazista’, ma, evidentemente, quando gli interessi convergono, si passa sopra anche a ‘certe cose’.

L’accordo è arrivato al termine di un incontro tra El Din e Dmitry Yarosh, il leader del gruppo paramilitare ‘settore destro’, che ha partecipato al rovesciamento del governo del presidente Viktor Yanukovich.

Nel corso della riunione, “Dmitry Yarosh ha sottolineato che il ‘settore destro’ si opporrà a tutte i fenomeni razzisti, in particolare l’antisemitismo , con tutti i mezzi legittimi “, l’ambasciata ha scritto sul suo sito web.

“Le parti hanno convenuto di istituire una ‘hotline’ per evitare provocazioni e coordinarsi su questioni che si presentano”, ha detto.

Le truppe di Yarosh hanno avuto un ruolo decisivo nella rivoluzione che ha costretto Yanukovich a fuggire in Russia.

Il mese scorso ha ammesso al quotidiano ucraino Pravda i suoi legami con il partito definito ‘xenofobo’ Svoboda e di collaborare con esso, ma respinge quella che lui definisce xenofobia dai membri di Svoboda.

“Abbiamo un sacco di posizioni comuni su questioni ideologiche, ma ci sono grandi differenze. Ad esempio, non capisco elementi razzisti e io non li adotto “, ha detto.
Yarosh ha detto di rifarsi ai principi stabiliti dal leader nazionalista ucraino Stepan Bandera.

Bandera era un alleato della Germania nazista che poi si rivoltò contro i nazisti.

Il Simon Wiesenthal Center e altre organizzazioni ebraiche hanno condannato la glorificazione in Ucraina di Bandera, le cui truppe si ritiene abbiano ucciso migliaia di ebrei quando erano alleati dei nazisti nel 1941.

Legislatori Svoboda hanno regolarmente usato il “zhyd” peggiorativo che equivale a “kike,” per descrivere gli ebrei.

In risposta alle proteste dei leader ebraici, Svoboda ha sostenuto “zhyd” era una corretta e neutrale, seppur termine arcaico. Il leader di Svoboda, Oleh Tyahnybok, ha in passato di cui una “mafia Mosca-ebraica” che ha detto governato Ucraina.

I contatti tra l’ambasciatore israeliano Din El e Tyahnybok risalgono al marzo 2013. Interessante.




Lascia un commento