Torino: Fassino spende 1 milione di euro per la spazzatura dei Rom

Condividi!

Fassino dirà che anche questi sono fantomatici ‘fondi europei’, in realtà, sono soldi dei torinesi. La storia è nota. Parliamo della bonifica dell’area Continassa, a suo tempo venduta alla società Juventus.

Alla stipula del contratto tra Comune e società, c’era il problema della discarica abusiva dei Rom. Quei geni dell’amministrazione fassiniana, in uno slancio di generosità, si erano impegnati a ‘bonificare l’area a spese del Comune’, stimando i costi a circa 175mila euro. In realtà, la spesa totale si è moltiplicata, i Rom avevano lasciato un disastro, una piccola collina di merda e di rifiuti tossici pericolosi: 1milione e 300mila euro, la spesa sostenuta dai cittadini.

Ora c’è l’interpellanza del consigliere Vittorio Bertola (M5S): “Se il contratto tra Juventus e Comune prevedeva che quest’ultimo si sarebbe fatto carico di qualsiasi spesa aggiuntiva nello smaltimento dei rifiuti, come è possibile che abbia potuto firmare un accordo così penalizzante?”. “Appare strano che il Comune non si sia reso conto dell’effettiva quantità di rifiuti che dovevano essere eliminati”.

Bertola e la Lega Nord chiedono che a pagare siano quelli che l’area hanno inquinata: gli zingari. Gli stessi zingari che, invece di essere puniti, vennero premiati da Fassino con una nuova sistemazione. Lui la chiama ‘social housing’. Ma il Pd si oppone. Secondo il partito democratico i Rom non sono in grado di pagare, sono poveri. Devono pagare i cittadini.




Lascia un commento