Gambia: “Gay sono parassiti, peggio della Tubercolosi”

Condividi!

Jannah

BANJUL – Il presidente del Gambia Yahya Jammeh ha definito gli omosessuali “parassiti” e ha detto che il suo governo li affronterà nello stesso modo in cui combatte le zanzare che causano la malaria.

I commenti più recenti di Jammeh, che l’anno scorso ha bollato i gay come ‘minaccia per l’umanità’, coincidono con un rinnovato giro di vite sulle relazioni omosessuali in tutta l’Africa, dove l’omosessualità è illegale in 37 paesi. Ma nessun Luxuria va a manifestare. Né, i media di disinformazione di massa, si interessano di quelle che sono persecuzioni reali, e non, immaginarie come in Russia.

Negli ultimi mesi, la Nigeria ha bandito le relazioni omosessuali e l’Uganda ha votato l’ergastolo per gli atti omosessuali.

“Combatteremo questi vermi chiamati omosessuali o gay allo stesso modo in cui stiamo combattendo le zanzare portatrici di malaria, se non in modo più aggressivo”, ha detto Jammeh in un discorso alla televisione di Stato per celebrare il 49 ° anniversario dell’indipendenza del Gambia dalla Gran Bretagna.
“Per quanto mi riguarda, LGBT – ridicola sigla che dovrebbe stare per ‘lesbiche, gay, bisessuali e trans’ – può stare solo per lebbra, gonorrea, batteri e tubercolosi, che sono tutti dannosi per l’esistenza umana”, ha aggiunto.

Vladimiro, in Gambia ti aspettano. Lì si, che c’è bisogno di manifestare.