Dammi il tuo cerume, e ti dirò chi sei

Condividi!

Informazioni circa l’identità, etnia, malattie e abitudini di una persona possono venire da una fonte sorprendente: il cerume.

I ricercatori del Monell Chemical Senses Center di Philadelphia hanno scoperto che il cerume presente all’interno dell’orecchio di un individuo, può essere una fonte di informazioni personali. Lo studio era iniziato sulla base di studi precedenti, in cui i ricercatori avevano analizzato l’odore ascellare e la sua composizione chimica per studiare indizi circa l’identità di una persona.

“La nostra ricerca precedente ha dimostrato che gli odori ascellari possono trasmettere una grande quantità di informazioni su un individuo, compresa l’identità personale, il sesso, l’orientamento sessuale e lo stato di salute”, dice l’autore dello studio George Preti, un chimico organico al Monell. “Pensiamo che sia possibile che il cerume contenga informazioni simili.”

Per il loro studio, Preti ed i suoi colleghi hanno utilizzato il cerume ottenuto da 16 uomini sani. Otto degli uomini erano bianchi, mentre il resto degli uomini erano di origine orientale.

I ricercatori hanno poi riscaldato i campioni di cerume per spingerli a produrre composti odorosi organici volatili (COV). Anche se tutti i campioni di cerume degli uomini sono risultati positivi per i COV, vi erano sostanziali differenze. Gli uomini bianchi avevano una maggiore quantità di 11 dei 12 COV testati rispetto agli uomini di origine orientale.

“In sostanza, potremmo ottenere informazioni sull’appartenenza etnica o razziale di una persona, semplicemente cercando nelle sue orecchie”, dice l’autrice dello studio Katharine Prokop-Prigge, chimico al Monell. “Mentre i tipi di odori erano simili, gli importi erano molto diversi.”

Inoltre, si sospetta che il cerume possa essere una fonte di ancora più indizi circa l’identità e le abitudini di una persona.

I ricercatori sospettano che la natura grassa del cerume lo renda un deposito probabile per odoranti liposolubili prodotti da alcune malattie e l’ambiente.

Katharine Prokop-Prigge sottolinea che almeno due malattie metaboliche producono odore (la malattia delle urine a sciroppo d’acero, MSUD, dall’acronimo in lingua inglese per maple syrup urine disease e alcaptonuria) possono essere identificate analizzando il cerume prima che possano esserlo con tecniche tradizionali quali analisi del sangue e analisi delle urine.

“I composti chimici rilasciati negli odori di cerume possono essere in grado di dirci ciò che una persona ha mangiato e dove è stata”, ha detto Preti. “Il cerume è una secrezione del corpo trascurata, il cui potenziale come fonte di informazioni deve ancora essere esplorato.”

Studi futuri esamineranno queste possibilità.




Lascia un commento