Letta vuole un grande ‘museo islamico a Venezia’: è scontro con la Lega

Vox
Condividi!

Lega furiosa si scaglia contro la bizzara idea del premier accattone Enrico Letta di una ‘partnership’ con il Qatar per realizzare un museo islamico nazionale sul Canal Grande a Venezia.

“Da veneto mando al premier un messaggio chiaro: non vogliamo alcun museo islamico a Venezia. Letta farebbe meglio a concentrarsi sulla crisi economica invece di pensare a come favore e diffondere l’Islam”, ha affermato in una dichiarazione il capogruppo della Lega al Senato Massimo Bitonci.

Vox

“Francamente in questo momento il Veneto ha bisogno di altro. Se poi pensa di distrarre qualcuno dai fallimenti del suo governo, ultimo in ordine di tempo la vicenda Electrolux, si sbaglia di grosso. Questo esecutivo, degno proseguimento di Monti, ha messo il Nord sul lastrico. Per quanto ci riguarda, se davvero ci sono forze e risorse per promuovere musei, allora pensiamo a un progetto per diffondere la cultura e la tradizione veneta”.

Ma Letta è in Qatar per svendere ai beduini che stanno per finire i petrodollari – la crisi degli emergenti e lo shale oil metterà in ginocchio i paesi del Golgo – le nostre migliori aziende.
Dice, il premier abusivo: “c’è interesse per le opportunità d’investimento che si possono avere in Italia” a partire dal e “piano delle privatizzazioni”.
“Abbiamo discusso dei possibili investimenti nel campo energetico”, ovvero di “una partecipazione ulteriore di capitali qatarini nelle compagnie energetiche ed Eni” come di un “rafforzamento del gas qatarino ch arriva nel gasdotto di Rovigo”. L’Eni. Letta non è Mattei, questo è ovvio. E’ lì per regalare i nostri gioielli a beduini e banche internazionali.

L’idea poi, di un museo islamica nella città italiana che più di tutte ha versato sangue nella decisiva battaglia di Lepanto è un sacrilegio.