I terrosti islamici sono già tra noi pronti a colpire

Vox
Condividi!

PARLA IL DISERTORE ‘SIRIANO’: MIGLIAIA NUOVI EUROPEI ADDESTRATI E POI RIMANDATI IN EUROPA PER COMPIERE ATTENTATI

Gli immigrati, quelli definiti ‘nuovi cittadini europei’, di religione islamica che combattono in Siria, vengono addestrati come “jihadisti” e poi incoraggiati a tornare nei Paesi d’adozione per lanciare attacchi. Lo ha detto un disertore di al-Qaeda al giornale britannico Daily Telegraph .

In una rara intervista al confine della Turchia con la Siria, il disertore del gruppo estremista Stato Islamico dell’Iraq e al- Sham ( ISIS ), ha detto che le reclute provenienti da Gran Bretagna , Europa e Stati Uniti vengono indottrinati, addestrati su come realizzare e far esplodere autobombe e giubbotti suicidi: poi rimandati a casa – in Europa – per creare nuove cellule terroristiche .

Alcuni di quelli intenti a rovesciare il regime siriano sono stati indottrinati con un vero e proprio lavaggio del cervello e trasformati in fanatici e macchine mortali, ha avvertito il disertore.

I suoi commenti fanno eco alle preoccupazioni dei servizi di sicurezza nel momento in cui si teme che fino a diverse migliaia di ‘nuovi europei’ stiano combattendo in Siria e potrebbero tornare per emulare attacchi come gli attentati di Londra e del’11/9. Le agenzie di sicurezza e di intelligence ritengono che la minaccia di aspiranti terroristi di ritorno dalla Siria stia crescendo .

Nell’intervista al DT, il disertore, noto come Murad, ha detto che i combattenti europei che ha incontrato in Siria:”Hanno parlato spesso di attacchi terroristici .Erano orgogliosi dell’ 11/9 e degli attentati di Londra . I mujaheddin inglesi, francesi, americani e di altri paesi europei parlavano di luoghi che volevano bombardare o dover dar esplodere se stessi in Europa e negli Stati Uniti . Tutti nominavano un bersaglio . L’americano ha detto che sognava di far saltare in aria la Casa Bianca . ”

“Questa è una minaccia che non sta andando via ed è destinato ad aumentare “, ha detto una fonte di alto livello Whitehall .

Venerdì scorso , due 21enni di Birmingham sono stati accusati di preparare un viaggio in Siria per compiere atti di terrorismo .
Due 15enni provenienti dalla Francia sono stati segnalati la scorsa settimana per aver lasciato Tolosa per unirsi ai combattimenti in Siria.
Un giovane immigrato maghrebino accusato di terrorismo, è partito per la Siria dall’Italia, non appena essere stato liberato dai soliti magistrati.

Vox

Le nazioni dell’Europa rischiano di essere “travolte” dal fenomeno , ha detto il ministro degli Interni francese, Valls. che ha stimato in 700, i cittadini ‘francesi’ che sono andati in Siria e tornati in Francia – o sono attualmente in rotta . Alcuni, 21, sono stati uccisi.

Shiraz Maher , un ricercatore senior presso il Centro Internazionale per lo Studio della radicalizzazione al King College di Londra, ha stimato la scorsa settimana che fino a 50 combattenti ‘britannici’ sono già tornati in Gb e si stanno preparando.

Il mese scorso , Richard Walton, di Scotland Yard – comando anti-terrorismo , ha detto che ci sono già indicazioni che i ‘britannici’ stavano tornando dalla Siria con l’ordine di eseguire attacchi, con la Metropolitan Police che parlavi di un ” enorme numero di operazioni ” per proteggere il pubblico .

Ha detto: ” Non credo che il pubblico si renda conto della gravità del problema”.

Murad ha detto che il sentimento anti-occidentale era virulenta e leaders di ISIS hanno discusso di attaccare obiettivi occidentali . “Gli incontri sono avvenuti in segreto “, ha detto . «Ma alcuni dei miei colleghi ‘europei’ a ISIS mi hanno detto che il nostro emiro li mandava in Europa per insegnare agli altri immigrati il jihad”.

Ogni mattina il suo gruppo si svegliava alle 5 del mattino per pregare. Dopo lo studio del Corano, due o tre ore di addestramento militare. Ciò includeva come fare e esplodere autobombe e giubbotti suicidi.

“Sappiamo tutti come farlo ora”, ha detto. “E ‘ una delle prime cose che ci insegnano, la semplice formazione. Ci sono diversi tipi di giubbotti”.




2 pensieri su “I terrosti islamici sono già tra noi pronti a colpire”

  1. Per la prima volta nella nostra Storia abbiamo un ministro di colore, anche se è difficile immaginare un ministero dell’integrazione nel governo di qualche altro paese.
    Persino nel nostro ordinamento giudiziario e tra i nostri parlamentari abbiamo già alcuni soggetti di origini islamiche.
    Una volta avevamo le aziende manifatturiere che erano una grande risorsa per il Bel Paese, le quali, costrette a chiudere, i loro titolari e maestranze vivono ora di espedienti e, chi può, di lavoro nero.
    Abbiamo i venditori ambulanti che hanno sostituito in massa quegli ambulanti italiani che già lottavano per la sopravvivenza, i quali sono ora costretti a vivere di affari illeciti.
    Ci sono poi i commercianti, ristoratori ed altre professioni di qualsiasi altra provenienza, i quali, sostenuti solo da una Partita IVA intestata a prestanomi, vivono indisturbati a spese delle ultime risorse del paese.
    Un miscuglio di razze e culture che, come la Storia ci insegna, non accetteranno mai la nostra cultura, anche se nati in Italia e diamo loro la cittadinanza. La loro cultura, soprattutto quella islamica, e convinzioni spirituali resteranno sempre radicati nelle loro menti e tramandati ai discendenti, per cui saremo noi Italiani a doverci integrare.
    Come avviene nei loro paesi d’origine, ben presto, quegli Italiani sopravvissuti agli scippi, agli stupri ed agli omicidi per rapina, saranno costretti, pena la decapitazione, ad inginocchiarsi verso la Mecca e sbattere la testa per terra. Le nostre donne saranno costrette ad indossare il velo o il burca, pena la lapidazione e sulle nostre spiagge non vedremo più folle di bagnanti a prendere la tintarella, ma vedremo gironzolare dei funesti mantelli neri, privi di identità come dei fantasmi dell’oltretomba.
    Attenzione Italiani!!! Svegliatevi!!! Fermiamo questa invasione selvaggia voluta da falsi perbenisti prima che sia troppo tardi.
    – da CocoMind.com – La voce del dissenso

I commenti sono chiusi.