Ora Khalid, il ‘profugo’ con lo smartphone scrive a Napolitano

Condividi!

E’ furbo Khalid, il ‘profugo’ con smartophone di ultima generazione che ha girato il video mandato in onda dal Tg2 e spacciato dai nostri mediaioli come ‘shock’. Perché i clandestini, portatori di Scabbia, venivano disinfettati. Tanto furbo da voler speculare sul suo video per essere trasferito da Lampedusa.

Il sig. Khalid lo manteniamo nel Cpa dallo scorso 3 ottobre, quando e’ sbarcato su un barcone insieme con altri sedicenti siriani. E ora ha iniziato uno sciopero della fame, a base di cappuccini e brioches. E ha scritto al ‘santo protettore’ di tutti i clandestini, l’abusivo al Quirinale. “Presidente Napolitano – scrive – mi aiuti lei a lasciare il centro”. Da giorni, prima del video, Khalid e altri sette siriani rifiutano il cibo, a pranzo e a cena, ma non a colazione, per chiedere l’immediato trasferimento da Lampedusa.

Ha girato il video con il suo smartphone per creare un ‘caso’ ed essere trasferito. Conoscono fin troppo bene come prendersi gioco del nostro sistema mediatico e come strumentalizzarlo per ottenere favori e privilegi.




Lascia un commento