La ‘sentenza’: Se chiedi ‘oscuramento’ canali, puoi non pagare il Canone Tv

Condividi!

La Commissione Tributaria del Lazio, con la sentenza 597/2013 ha accolto l’istanza di un contribuente che si è opposto alla cartella esattoriale di riscossione del canone tv, con la domanda di richiesta di oscuramento inviata alla Rai.

In sostanza l’uomo, non interessato a guardare i programmi Rai, ha chiesto alla stessa Rai di ‘rendergli’ inaccessibili i suoi canali. Un po’ come accade con una pay Tv.

L’amministrazione Rai non ha mai risposto, creerebbe un precedente pericolosissimo, e aveva proceduto all’emissione della relativa cartella, che il contribuente ha impugnato. La commissione tributaria provinciale gli ha dato torto, ma in secondo grado, quella regionale, gli ha dato ragione. Secondo i magistrati laziali la cartella è nulla, anche se il cittadino ha continuato a usufruire dei servizi tv. È sufficiente, infatti, che egli abbia fatto denuncia di oscuramento alla Rai e questa non abbia risposto.




Lascia un commento