11-9: è stata l’Arabia Saudita

Condividi!

Le rivelazioni di due parlamentari americani e fonti di intelligence, svelano quello che molti avevano sempre pensato: dietro l’11 Settembre c’erano i sauditi. E non ‘cani sciolti’, ma il governo saudita. Legato a doppio filo con interessi interni al governo americano, e per questo, il suo coinvolgimento è stato taciuto. Insabbiato.

Dopo gli attacchi dell’11 9, è stato detto che al Qaeda ha agito da sola, senza sponsor statali.
Ma la Casa Bianca ha mentito, ha censurato un’intera sezione del rapporto investigativo del Congresso ’11/9′ che si occupava di “specifiche fonti di sostegno straniero” per i 19 dirottatori, 15 dei quali erano cittadini sauditi.

E’ stato tenuto segreto e rimane così ancora oggi. Il presidente Bush, inspiegabilmente, ha censurato 28 paginedel rapporto di 800 pagine. Per motivi di ‘sicurezza nazionale’. Il testo non è censurato qua e là, ma è scomparsa l’intera sezione centrale. Le pagine sono completamente vuote, fatta eccezione per le linee tratteggiate sopra le circa 7.200 parole, questo articolo, in confronto, è di circa 1.000 parole.

Un paio di parlamentari che hanno recentemente letto la parte censura – i membri del Congresso possono leggerla – dicono di essere rimasti “assolutamente scioccati” a livello di coinvolgimento dello Stato estero negli attacchi.

Walter Jones (Repubblicano-NC) e Stephen Lynch (Democratico-Mass.) non possono rivelare la nazione identificata senza violare la legge federale. Così hanno proposto al Congresso di approvare una risoluzione che chiede al presidente Obama di declassificarla.

Alcune informazioni sono già trapelate dalla sezione classificata, che si basa sia su documenti dell’FBI che della CIA, e punta di nuovo in Arabia Saudita, un alleato, o presunto tale.
I sauditi negano qualsiasi ruolo in 9/11, ma la CIA in una nota segreta rivela di avere trovato “prove inconfutabili” che i funzionari governativi sauditi – non solo estremisti sauditi ricchi, ma diplomatici di alto livello e funzionari di intelligence utilizzati dal regno – hanno aiutato i dirottatori sia finanziariamente che logisticamente. I file di intelligence citati nella relazione coinvolgono direttamente l’ambasciata saudita a Washington e il consolato a Los Angeles negli attacchi, rendendo l’11/9 non solo un atto di terrorismo, ma un atto di guerra.

I risultati, se confermati, dimostrerebbero che i dirottatori avevano, come minimo, legami con diversi funzionari e agenti sauditi mentre stavano preparando i loro attacchi all’interno degli Stati Uniti. In realtà, hanno ottenuto aiuto da VIP sauditi da costa a costa:

LOS ANGELES: Il funzionario del consolato saudita Fahad al-Thumairy ha presumibilmente organizzato un gruppo ‘preparatorio’ per ricevere due dei dirottatori sauditi – Khalid al-Mihdhar e Nawaf al-Hazmi – quando sono arrivati ​​a Los Angeles nel 2000. Omar al-Bayoumi, un sospetto agente dell’intelligence saudita, ha lasciato il consolato di Los Angeles e ha incontrato i dirottatori in un ristorante locale. (Bayoumi ha lasciato gli Stati Uniti due mesi prima degli attacchi, mentre Thumairy è stato espulso in Arabia Saudita dopo il 9/11.)

SAN DIEGO: Bayoumi e un altro sospetto agente saudita, Osama Bassnan, hanno istituito una base operativa a San Diego per i dirottatori dopo aver lasciato Los Angeles. Sono stati forniti camere, affitto e telefoni, nonché incontri privati ​​con un religioso americano di al Qaeda che sarebbe poi diventato famoso, Anwar al-Awlaki, in una moschea saudita finanziata dal governo saudita in un sobborgo vicino. Sono stati anche festeggiati ad una festa di benvenuto. (Bassnan fuggì dagli Stati Uniti poco prima degli attacchi.)

WASHINGTON: L’allora ambasciatore saudita principe Bandar – oggi capo dei servizi sauditi e nemico giurato di Assad – e sua moglie inviano un totale di circa 130 mila dollari a Bassnan mentre stava assistendo i dirottatori. Anche se i Bandars sostengono fossero sostegno per la moglie malata di Bassnan, il denaro è comunque arrivato nelle mani dei dirottatori.
Altri finanziamenti ad al Qaeda vengono fatti risalire ad al Bandar e la sua ambasciata – tanto che nel 2004, la Riggs Bank di Washington aveva escluso i sauditi come clienti.
L’anno successivo, come il numero di dipendenti dell’ambasciata implicati nelle indagini sul terrorismo cresceva, Riyadh ha richiamato Bandar.
“Le nostre indagini hanno contribuito alla partenza dell’ambasciatore”, dice un investigatore che ha lavorato con la Joint Task Force contro il terrorismo a Washington, anche se Bandar dice di aver lasciato per “motivi personali”. Lo dicono sempre.

Falls Church, VA:. Nel 2001, Awlaki e i sequestratori di San Diego si sono ​​di nuovo riuniti – questa volta al Dar al-Hijrah Islamic Center, una moschea costruita vicino al Pentagono con i fondi sauditi. Awlaki è stato reclutato a 3.000 miglia di distanza come capo della moschea. Come imam, Awlaki ha aiutato i dirottatori, che si sono presentati alla sua porta. Ha incaricato qualcuno di aiutarli ad acquisire appartamenti e documenti prima dell’attacco al Pentagono.
Awlaki ha lavorato a stretto contatto con l’ambasciata saudita. Ha tenuto conferenze in un ‘think tank’ islamico saudita a Merrifield, Virginia, presieduto da Bandar. Documenti dell’itinerario di viaggio dimostrano che è stato anche l’imam ufficiale nei viaggi dell’ambasciata saudita a La Mecca e visite nei luoghi santi. Awlaki è fuggito dagli Stati Uniti su un jet saudita circa un anno dopo il 9/11.

Come riportato nel libro di Paul Sperry, “Infiltration”, che cita documenti classificati degli Stati Uniti, il religioso saudita è stato brevemente arrestato all’aeroporto JFK prima di essere rilasciato in custodia di un “rappresentante saudita.” Un mandato federale per l’arresto di Awlaki era stato misteriosamente ritirato il giorno precedente. Un drone americano ha ucciso Awlaki nello Yemen nel 2011.

Herndon, VA:. Alla vigilia degli attacchi, un alto funzionario del governo saudita, Saleh Hussayen, ha soggiornato nello stesso Marriott Residence Inn vicino al Dulles Airport insieme a tre dei dirottatori sauditi che hanno preso di mira il Pentagono. Hussayen aveva lasciato un albergo nelle vicinanze per trasferirsi nell’albergo dei dirottatori. Si è incontrato con loro? L’FBI non ha mai trovato prove. Hanno lasciato andare dopo aver “finto un sequestro,” un agente ha ricordato. (Nome del Hussayen non compare nella 9/11 Commission Report separata, che cancella i sauditi.)

SARASOTA, FLA: Mohamed Atta e altri dirottatori hanno visitato una casa di proprietà di Esam Ghazzawi, consigliere saudita per la nipote di re Fahd. Agenti dell’FBI che indagano la connessione nel 2002, hanno rilevato che i registri dei visitatori per la ‘comunità chiusa’ e le foto delle tarche dei veicoli, risultano identici a quelli guidati dai dirottatori. Appena due settimane prima degli attacchi dell’11/9, la comunità di lusso saudita è stata abbandonato improvvisamente. Tre auto, tra cui una nuova Chrysler PT Cruiser, sono state lasciate nel vialetto. All’interno, i mobili di lusso intatti.

Il Democratico Bob Graham, ex senatore della Florida che ha presieduto l’inchiesta congiunta, ha chiesto all’FBI per i fascicoli Sarasota, ma non riesce ad ottenerli- Lui dice che è un “insabbiamento”.

Il governo federale protegge i sauditi? Agenti che si occupano dei casi dicono di essere stati ripetutamente chiamati per ‘non perseguire’ indagini sull’11-9 che portino all’ambasciata saudita, che ebbe una ‘curiosa’ influenza su Casa Bianca e FBI nelle risposte agli attacchi.

Pochi giorni dopo che Bush si è incontrato con l’ambasciatore saudita alla Casa Bianca, l’FBI ha evacuato dagli Usa decine di funzionari sauditi, così come i membri della famiglia di Osama bin Laden. Bandar ha fatto la richiesta di essere accompagnato direttamente al quartier generale dell’FBI il 13 settembre 2001 – poche ore dopo si è incontrato con il presidente Bush. I due vecchi amici di famiglia hanno condiviso sigari sul balcone Truman mentre discutevano sugli attacchi.

Bill Doyle, che ha perso il figlio negli attacchi al World Trade Center e capo della Coalizione 9/11 delle Famiglie, chiama la soppressione di prove sui sauditi un “insabbiamento oltre ogni immaginazione.” La scorsa settimana, ha inviato una e-mail a parenti esortandoli a telefonare ai loro rappresentanti al Congresso per sostenere la risoluzione e leggere per sé le censurate 28 pagine.

Il coinvolgimento del governo saudita è il segreto di pulcinella dell’intera operazione 11-9. Renderne nota la partecipazione nel complotto di una parte considerevole del Regno, significava una dichiarazione di guerra e un attacco militare americano all’Arabia Saudita: dove ci sono troppi interessi e intrecci. Meglio bombardare l’inutile Afghanistan e poi l’Iraq, invece del centro di tutto: il regno wahabita.

En passant: le moschee in Italia sono quasi tutte finanziate dal governo saudita. Compresa quella di Roma. L’associazione Ucoii è finanziata dai sauditi, è una sorta di ‘tumore saudita’ in Italia. Il deputato marocchino del Pd, è stato, e forse è ancora, membro di questa organizzazione che definire terrorista non pare eccessivo, alla luce di quello che avete appena letto.




Lascia un commento