Londra: alle donne vietato parlare, sono ‘impure’

Condividi!

Dopo il caso di Leicester, è la volta di Londra. Dove le studentesse che frequentano la Queen Mary University sono state bandite dal parlare in un seminario giudicato ‘degradante’ dagli islamici.

Le donne sono state costrette ad entrare attraverso una porta per ‘sole donne’ e a scrivere le loro domande per il fanatico Ustadh Abu Abdillah, perché sentirne la voce sarebbe stato ‘impuro’.

Una donna che era presente alla manifestazione dal titolo L’inganno del Dunya ha descritto l’esperienza come ‘degradante’.

Immaginate se, in università cattolica maschi e femmine venissero messi in classi separate, scelta che può avere i suoi motivi: ah, sessismo, subito girotondo per l’eguaglianza! Ma se invece gli islamici mettono le donne in fondo alla stanza, le zittiscono e le fanno entrare dalla porta di servizio come gli animali – perché impure – allora va bene, è la loro ‘cultura’.




Un pensiero su “Londra: alle donne vietato parlare, sono ‘impure’”

Lascia un commento