Strappa bandiera Ue durante manifestazione 9 Dicembre: arrestato!

Condividi!

E’ shock per l’arresto di un manifestante reo di avere ‘strappato’ una bandiera dell’Unione Europea da una sede ufficiale. “Arrestato per furto di bandiera, peraltro restituita. E’ l’ultimo ‘colpo di teatro’ di uno Stato talmente distante dai suoi cittadini, che non riesce più a comprenderne nemmeno le istanze più immediate ed è costretto a ricorrere a grotteschi escamotage come questi pur di fermare una protesta giusta e di popolo”. Così il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone commenta “l’arresto per furto pluriaggravato del vicepresidente del movimento, Simone Di Stefano, bloccato dalla polizia, durante il ‘blitz’ pacifico del popolo del 9 dicembre alla sede di rappresentanza in Italia della Commissione europea in via IV Novembre a Roma, mentre con una scala tentava di sostituire un Tricolore alla bandiera blu dell’Unione europea che sventolava sul palazzo”.

“La bandiera è stata restituita – sottolinea Iannone – D’altra parte non era certo nostro interesse rubarla, non sapremmo che farcene. Di Stefano voleva sostituirla con un tricolore, come abbiamo fatto al portone della sede di via IV Novembre, per dire che se la politica consegna la nostra sovranità all’Europa, la Nazione, il popolo, se la riprende. Simbolicamente. Troppo complicato da comprendere?”.

Ora gli eurofanatici ti arrestano, se ‘osi’ manifestare la tua contrarietà al ‘Progetto’




Un pensiero su “Strappa bandiera Ue durante manifestazione 9 Dicembre: arrestato!”

  1. SI TENGA BENE PRESENTE CHE QUEL TRAGICOMICO, MISERABILE, GOFFO STRACCIO BLU COL CERCHIO DI STELLE GIALLE AL CENTRO, NON E’ UNA BANDIERA DI STATO. E’ TUTT’AL PIU’ UN SIMBOLO “ESOTERICO”. SICCOME LA “UNIONE EUROPEA” (SIA MALEDETTA) NON E’ UNO STATO. PERTANTO, BRUCIARE IL SUDDETTO STRACCIO NON INTEGRA REATO DI VILIPENDIO A BANDIERA DI NAZIONE (cfr ARTICOLO 299 DEL CODICE PENALE).

Lascia un commento