Islamici manifestano contro ‘vendita alcolici’, vogliono un pezzo di Londra

Condividi!

Circa 60 attivisti musulmani riuniti a Brick Lane, East London, ieri, per protestare contro la vendita di alcolici

Centinaia di manifestanti musulmani si sono riuniti a Londra per chiedere il blocco della vendita di alcol nella zona est di Londra. Ormai detta Londonistan. Zona nella quale le ronde islamiche minacciano chiunque consumi alcolici o vesta in modo ‘inappropriato’. Vogliono creare una vera e propria enclave etnico-religiosa dove si applichi la legge islamica.

La protesta musulmana, chiedendo il divieto di alcol nella zona di Brick Lane, è stato condotto da Anjem Choudary (nella foto)

Il gruppo, guidato dall’ex leader di Al-Muhajiroun Anjem Choudary, ha avvertito ristoranti e negozi nella zona di Brick Lane che dovranno affrontare ’40 frustate’ se continuano a vendere il prodotto, che è vietato ai sensi della legge Sharia.
Decine di uomini e donne in burka hanno consegnato lettere di avvertimento nella zona. Gli unici ad affrontare la dimostrazione sono stati membri della English Defence League che hanno organizzato una contro-protesta.

L'azione è stata ritardata dopo un piccolo numero di membri della English Defence League ha organizzato una contro-protesta

Choudary era in prima linea della protesta. Il Gruppo Al-Muhajiroun, che lui guida, è stato vietato in base alle leggi anti-terrorismo. Gruppi associati a Choudary sono stati etichettati come la ‘più grande minaccia terroristica nella recente storia britannica’

Le donne musulmane e bambini si uniscono alla protesta nella zona alla moda di Tower Hamlets ieri

L’Imam, durante la manifestazione, ha anche difeso i tre uomini “fantastici” che sono stati incarcerati la scorsa settimana per avere attaccato chi beveva o donne senza burka, durante una  ‘ronda musulmana’.
Si riferiva ad un incidente in cui la ‘ronda islamica’  ha bloccato una coppia che, secondo loro,  non poteva tenersi per mano mentre camminava per strada, perché era in una ‘zona musulmana’.
La ronda aveva anche attaccato un gruppo di uomini che beveva in un bar, e  una donna che  “dovrebbe affrontare ‘il fuoco dell’inferno’ a causa del modo in cui era vestita”.

Anjem Choudhary ha detto: ‘Non possiamo vivere tra i non-musulmani e vedere questo posto che è il male”.

Secondo uno studio, organizzazioni affiliate con Choudary hanno arruolato 80 giovani musulmani ‘britannici’  per i combattimenti in Siria. E più 300 sul continente europeo.




Un pensiero su “Islamici manifestano contro ‘vendita alcolici’, vogliono un pezzo di Londra”

Lascia un commento