Le frontiere esistono ancora: l’Austria ci rimanda i ‘profughi’

Condividi!

Anche l’Austria, dopo la Francia, ha dato il via ai primi respingimenti dei figliocci di Alfano. I ‘profughi’ nordafricani sbarcati a Lampedusa e muniti di permesso di soggiorno temporaneo, titolo di viaggio e soldi dal governo Letta.

In otto sono stati respinti dalle autorità austriache al confine del Brennero. I provvedimenti sono stati motivati – secondo quanto riporta il Corriere dell’Alto Adige- con l’assenza dei requisiti economici adeguati per restare in Austria.

Rimarranno qui a stuprare. Ospiti di qualche comunità




Un pensiero su “Le frontiere esistono ancora: l’Austria ci rimanda i ‘profughi’”

Lascia un commento