Balzaretti corteggia Prandelli: “Io sono a favore dei gay, convocami”

Condividi!

Dopo una gufata non male alla sua squadra: “Sì, la Roma vince lo scudetto”, Balzaretti confessa che l’obiettivo è convicere il ct Cesare Prandelli a portarlo in Brasile: “Spero di andare ai Mondiali”. Poi altra gufata non male “Chi li vincerà? Credo l’Italia”.

Ed ecco che memore dell’affaire Cassano, mai più convocato per non essere a favore dei matrimoni gay e averlo detto, inizia il suo ‘lavoro’ di convincimento su Prandelli: “Cosa succederebbe se un calciatore in Italia facesse outing? Le persone più intelligenti lo accetterebbero, quelle meno intelligenti no”.

E gli scemi dicono agli altri cosa devono pensare.

Tutta questa ossessione con i gay è quasi stucchevole. Per quale strano motivo, un omosessuale dovrebbe convocare una conferenza stampa per annunciare la sua natura? Saranno cavoli suoi, finché non molesta i compagni nello spogliatoio.




Lascia un commento