Stella del rock inglese contro politiche immigrazione: “Avete distrutto il mio Paese, non vi perdonerò mai”

Condividi!

Il leader degli Who, Roger Daltrey, si è scagliato contro i politici britannici e la loro politica buonista sull’immigrazione, che ha fatto della Gran Bretagna un ambiente degradato, una ‘fogna multietnica’. Un luogo di lavoro povero con salari da fame per “i miei compagni” e, per questo, ha detto, non potrà mai perdonare i politicanti della nazione.

“Non potrò mai, mai perdonare il partito laburista per aver permesso questa immigrazione di massa senza nessuna regola e avere permesso a chiunque di venire in questo paese,” Mr. Daltrey ha detto al Times .

In particolare, ha incolpato il leader del Partito Laburista Britannico per avere distrutto, attraverso l’ingresso massiccio di lavoratori immigrati, le opportunità di lavoro per i cittadini britannici.

“Non potrò mai perdonarli per avere distrutto le opportunità di lavoro dei miei compagni, averli messi in concorrenza con immigrati disposti a tutto. Per avere permesso che il loro lavoro venisse sacrificato all’ideologia dell’Unione Europea, lasciando entrare tutti, in modo che possano vivere in 10 in una stanza, lavorando per salari da terzo mondo”, ha detto .

Meglio di un saggio sull’immigrazione e sulla svendita dei popoli europei fatta da Sindacati e partiti di sinistra. Con la collaborazione di industriali e partiti della destra liberale.
Sono i poveri e le classi medie e lavoratrici, a subire i danni dell’immigrazione. E sono stati svenduti dai partiti che, a parole, avrebbero dovuto rappresentarli.




Lascia un commento