Ex Governatrice Pd dell’Umbria (arrestata) chiamava la Finocchiaro per chiederle di piazzare i suoi uomini

Condividi!

Ex Governatrice Pd dell’Umbria (arrestata) chiamava la Finocchiaro per chiederle di piazzare i suoi uomini Il Radar.

download

L’apoteosi del sistema di potere della sinistra. L’ex governatrice dell’Umbria Lorenzetti si spendeva per avere favori e tornaconti personali e per i suoi amici. Una sinistra senza vergogna, come si legge sul Fatto

Ha contattato amici, “politici vicini” e persone “fidate”. Secondo gli inquirenti Maria Rita Lorenzetti, ex presidente della Regione Umbria finita ai domiciliari, per portare a termine i suoi obiettivi avrebbe cercato i più svariati agganci nei posti che contano, dalla Regione Toscana al ministero, arrivando perfino a Bruxelles. E’ quanto trapela dall’inchiesta sulla Tav fiorentina che, per gli inquirenti, contiene alcune conversazioni “particolarmente significative”. Come quella in cui la ex presidente arriva a contattare anche Anna Finocchiaro alla quale “segnala” Walter Bellomo, membro della commissione Via del ministero dell’Ambiente. La telefonata sarebbe stata fatta nella speranza del “conferimento di un incarico di prestigio, esaltandone i meriti e le capacità professionali nel gioco di squadra dimostrate proprio per questa situazione che sta andando finalmente in porto”. Nella telefonata del 5 luglio 2012 Maria Rita Lorenzetti riferisce a Bellomo di averlo sponsorizzato. “Gliel’ho detto ad Anna (Finocchiaro, ndr) – si legge nelle carte – C’è sulla spending review la possibilità che cancellino i consigli di amministrazione (…) Lei mi ha detto se ne fa un altro (…) L’importante è Walter le ho detto… perché lui lo merita… lui è uno bravo. Anna, ti devi mettere d’impegno”.

Ex Governatrice Pd dell’Umbria (arrestata) chiamava la Finocchiaro per chiederle di piazzare i suoi uomini Il Radar.




Lascia un commento