Censura sul web: la Cina copia l’Italia

Vox
Condividi!

La Cina attua una stretta sulla censura on line varando nuove linee guida sul controllo delle informazioni sul web che la avvicinano al modello italiano.

Vox

In realtà una misura ancora ‘morbida’ rispetto alla legge Mancino. Inffati sono previsti si, fino a 3 anni di carcere se un tweet o un messaggio ritenuto ‘sensibile’ dal punto di vista etnico o religioso, ma solo se viene inoltrato in rete per almeno 500 volte o visto da più di 500 persone. In Italia basta un’unica pubblicazione, come dimostrato da fatti recenti.

Nel mirino delle anche i messaggi con informazioni ritenute ‘false’ – da giudici non certo democratici – che producano ripercussioni internazionali.