Follie italiane: finanzieri sospesi per avere ‘trattato male’ clandestino

Condividi!

Due finanzieri romani che lavorano presso Fiumicino sono stati sospesi per due mesi dal servizio per aver ‘maltrattato’ un algerino che tentava di entrare in Italia dall’aeroporto.

L’episodio risale allo scorso 21 agosto, quando Abdelhak Hailat aveva cercato di entrare a casa nostra senza documenti e clandestinamente attraverso lo scalo romano. intercettato dai due finanzieri, Giorgio Colasanti e Luigi Ferrelli, era stato portato nella cella di sicurezza dell’ufficio di polizia di frontiera di Fiumicino, dove i due non sono stati teneri con il criminale.

‘Addirittura’, secondo un video che riprende tutta la scena, uno dei due finanzieri avrebbe date qualche schiaffo al clandestino Abdelhak, mentre l’altro agente osserva impassibile la scena. Un dramma.

Per questo i due sono stati sospesi.

Intanto a Milano, un receptionist egiziano che ha stuprato una giovane turista, è stato liberato e potrà continuare a stuprare turiste ignare a piacimento tornare lavorare normalmente.

Al potere piacciono i finanzieri che coccolano i ‘migranti’ mentre sbarcano a Lampedusa.




Un pensiero su “Follie italiane: finanzieri sospesi per avere ‘trattato male’ clandestino”

Lascia un commento