Alfano apre le gambe: pronto piano per accogliere 16mila clandestini

Condividi!

Il governo Kyenge apre le porte e d’accordo con i vari comuni italiani – ormai quasi unicamente a guida Pd – amplia il sistema di mantenimento per i cosiddetti ‘profughi’. Attualmente, gli enti locali – escluse quindi le strutture statali come Mineo – accolgono a spese nostre settemilacinquecento clandestini (loro li chiamano profughi), l’obiettivo è raddoppiarli. Alla faccia dei disoccupati italiani e dei nostri giovani senza casa.

Mercoledì scorso è arrivato in Gazzetta Ufficiale il decreto del ministero dell’Intero – il calabraghe Alfano – per accedere al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo (FNPSA), che finanzierà – con i soldi delle nostre tasse – i progetti degli enti locali per lo Sprar per i prossimi tre anni.

È il primo intervento strutturale del dopo ‘’emergenza Nord Africa’’ nel quale vennero spesi circa 1 miliardo di euro, e arriva mentre le associazioni a delinquere per l’accoglienza di leccano i baffi per una nuova emergenza, quella che il ‘compagno’ Obama sta per scatenare in Siria.

‘’Il Ministero dell’Interno sta pensando a uno SPRAR capace di garantire fino a 16.000 posti e questo dimostra il riconoscimento dell’incredibile lavoro condotto dagli Enti locali, e dagli enti di tutela con cui collaborano, da oltre un decennio, nella presa in carico di richiedenti e titolari di protezione internazionale” dice Piero Fassino, Sindaco di Torino e Presidente dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

‘’Con questo rafforzamento – aggiunge – intravediamo finalmente un unico sistema di accoglienza italiano, sostenuto da un forte patto istituzionale. Governo, Regioni e Comuni sono, infatti, concordi nell’individuare nello SPRAR il centro di un modello italiano di accoglienza in grado di intervenire tempestivamente dal momento dell’approdo in Italia, a prescindere dall’eccezionalità’ degli arrivi, che comunque devono essere previsti e affrontati per tempo, superando una volta per tutte l’approccio emergenziale che impedisce di lavorare al meglio’’. Hotel e camping gratis per tutti.

Il governo ha assicurato “ l’individuazione delle risorse” e nei prossimi tre anni, assicura Fassino, “i Comuni dello SPRAR sapranno impegnarsi per dare vita a modelli virtuosi di comunità locali multiculturali, di ottimizzazione delle risorse e di welfare per i cittadini, autoctoni o migranti che siano”.

Rimane però, secondo Fassino, il nodo dei Minori stranieri non accompagnati. ‘’Riceviamo oramai quotidianamente richieste di aiuto dai Sindaci dei Comuni più esposti – segnala il presidente dell’Anci – che non possono essere lasciati soli a fronteggiare una situazione frutto di eventi geo politici che riguardano lo stato centrale e soprattutto l’Europa. Si rende necessario, come più volte richiesto dall’Associazione, l’implementazione dell’apposito fondo nazionale con risorse certe e stabili”.

Come quel minore che appena sbarcato a Lampedusa ha stuprato una 16enne. Ma di questo a Fassino e ai cadaveri politici come lui non interessa. Loro pensano ai ‘migranti’. E a come lucrarci sopra.

Ricordate: ogni clandestino (profugo in neolingua) riscuote 45€ al giorno di paghetta da Alfano. Oltre a vitto e alloggio gratis. Più dei pensionati. Meglio dei nostri giovani. Centinaia di milioni di euro che saranno dirottati dai bisogni della nostra genete, per mantenere criminali e clandestini.

Il Pdl è la puttana del Pd. E Alfano tiene il moccolo.




Lascia un commento