Islamici scatenati: è assalto a Chiese e conventi in Egitto

Vox
Condividi!

PapaIn Egitto i Fratelli musulmani hanno iniziato ad assaltare le chiese e finora ne hanno già attaccate 22, per lo più della minoranza copta, ma anche 7 cattoliche fra cui un monastero e un ospedale di suore.

Non ci sono morti ma ci sono feriti e “la situazione per i cristiani è gravissima”.
Lo denuncia padre Rafic Greiche, portavoce della chiesa cattolica in Egitto.

Vox

Gli assalti si sono verificati al Cairo e nel governatorato di Sohag (Alto Egitto). A dare la notizia è padre Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana. Su Twitter circolano diverse immagini della chiesa di Sohag avvolta dalle fiamme e dal fumo nero. A Minya, capoluogo dell’omonima provincia centro- settentrionale, situata lungo il corso del Nilo a circa 150 chilometri dalla capitale, migliaia di persone hanno attaccato una chiesa copta e l’hanno parzialmente incendiata. Per disperderli la polizia ha dovuto fare massiccio ricorso ai lacrimogeni.
Anche la chiesa anglicana del San Salvatore di Suez è stata pesantemente danneggiata: «Mentre scrivo queste parole la nostra chiesa è sotto pesante attacco da parte di sostenitori di Morsi – scrive il vescovo Mouneer Anis sul sito della diocesi -. Stanno tirando pietre e bottiglie molotov verso la chiesa». Sempre a Suez è stata danneggiata una scuola gestita da francescani.

Il dialogo tra Papa Francesco e i mussulmani continua.