PEDAGGIO SULLA SUPERSTRADA FI PI LI: OVVERO COME LA REGIONE VUOL FAR CASSA E TROVARE 100 MILIONI DI EURO….

Vox
Condividi!

Per cercare di colmare il mega deficit delle Asl Toscane. La proposta dell’ assessore ai trasporti regionale, Ceccarelli, di intraprendere importanti lavori per mettere in sicurezza la superstrada FI PI LI , con costi superiori ai 100 milioni di euro, prevederebbe anche l’ istituzione del pedaggio per percorrere tale arteria stradale. L’ assessore Ceccarelli parla del pedaggio sulla FI PI LI, come necessario per finanziare questi imponenti lavori, ma pare molto sospetto che questa proposta, sia uscita a pochi giorni dal declassamento della sanita’ regionale, non piu’ inserita dal ministro della Sanita’ Lorenzin, tra le cinque regioni piu’ virtuose. E forse la giunta Rossi e C, teme per la sanita’ un ulteriore prossimo passo da parte del governo ” sedicente amico ” del premier il ” pisano ” Letta? Forse il prossimo passo del governo potrebbe essere proprio il commissariamento della sanita’ toscana, con l’ azzeramento di tutti i vertici sanitari, e temiamo che la proposta di introdurre il pedaggio sulla Fi Pi Li, sia proprio un ” disperato ” tentativo di far cassa da parte della Regione Toscana, ovviamente andando a stangare ulteriormente i Toscani e le categorie economiche. Eppure per tentare di rientrare da un deficit sanitario che si aggira intorno al miliardo di euro, basterebbe sciogliere gli inutili carrozzoni delle Societa’ della Salute, dichiarate illeggittime dalla Corte Costituzionale, carrozzoni queste, utili solo al mantenimento di grosse retribuzioni per i dirigenti, quasi tutti politici che il Partitone, ha riciclato dotandoli di ” comode e retribuite ” poltrone. Ma sarebbe opportuno tagliare anche le mega retribuzioni dei manager Asl toscani, tutti di salda nomina politica e non scelti per effettiva esperienza manageriale. Niente di tutto questo, a Palazzo Panciatichi, per cercare di evitare il collasso finanziario della sanita’ Toscana, si colpisce ancora una volta il contribuente Toscano e le categorie economiche. Un sistema di potere, quello della sinistra in Toscana, sempre piu’ avvitato in un contorto e perverso intreccio affari, politica  e sistema bancario creditizio anch’ esso in crisi, ma che ha strozzato e dissanguato l’ economia regionale.
OSSERVATORE TOSCANO

Vox


In collaborazione con: Il Monitore Toscano