Tonfano: anche il pontile è un suk di vucumprà e spacciatori

Vox
Condividi!

L’ amministrazione comunale di Pietrasanta, sta facendo acrobazie dialettiche, per smentire la sua intenzione , di interdire con reti l’ area sotto il pontile di Tonfano, divenuta un vero e proprio “suk”  africano e luogo dove pure si spaccia quasi in pieno giorno. Ora l’ amministrazione pietrasantina parla di misure alternative e non piu’ reti di recinzione.

Ma ci chiediamo, mettere delle reti che impediscano i bivacchi, come ha fatto al Forte il sindaco Buratti e’ razzismo? No, decisamente e’ soltanto BUON SENSO e questo BUON SENSO, dovrebbe esservi in misura maggiore nella maggioranza di sinistra che amministra Pietrasanta, che contro l’ abusivismo commerciale che investe i luoghi piu’ prestigiosi della Marina, e’ decisamente assente. Perché e’ vergognoso passeggiare per Tonfano la sera e vedere centinaia di bengalesi, senegalesi, che vendono griffe false , orrenda bigiotteria, che molestano i clienti seduti ai tavoli cercando insistentemente di vendere paccottiglie. Gli stessi venditori che sotto il Pontile di Tonfano, lasciano una quantità ” industriale ” di rifiuti ed escrementi umani, creando notevoli problematiche igienico sanitarie. Ripetiamo , con il sindaco Mallegni queste cose non si vedevano nella ” Perla ” della Versilia  o se volete nel ” Piu’ bel posto dell’ Universo ” ( Gabriele D’ Annunzio ) .

ROY BACIGALUPPI

Vox

CORRISPONDENTE VERSILIA APUANIA

Nellla foto il pontile di Tonfano…prima


In collaborazione con: Il Monitore Toscano