AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Cia: “Governo italiano sapeva che spiavamo suoi cittadini”

Vox
Condividi!

Dopo lo scoop – poi semismentito – del Guardian di ieri, un’altra voce si leva a svelare l’ipocrisia dei governi europei sull’affaire spionaggio degli Usa sui cittadini dei loro paesi.

Dice Vincent Cannistraro,  ex direttore della Cia a Roma che in realtà i governi sapevano tutto, anzi, collaboravano. L’opinione pubblica “non e’ stata informata adeguatamente” dai propri governi di cio’ che i servizi di intelligence del Vecchio Continente, “compresi quelli italiani” “sapevano molto bene“.

Vox

“Il fatto che le democrazie collaborino non dovrebbe essere una sorpresa, ma una necessita’”, dice ancora Cannistraro. Il concetto di privacy, del resto, per Cannistraro e’ cambiato da tempo. “Non capisco a cosa la gente stia reagendo, la privacy se n’e’ andata da tempo”, basta acquistare qualcosa online, ad esempio, per capire che gli inserzionisti pubblicitari su internet “sanno dove sei, conoscono i tuoi interessi”. Meno comprensibile, pero’, ammette Cannistraro, e’ l’attivita’ di spionaggio della Nsa ai danni degli uffici Ue o dell’ambasciata italiana a Washington. “Non mi sembra logico”, dice, “e’ improbabile che vi fosse una qualche utilita’”

Insomma, i governi europei sapevano, ma molto meglio fingere indignazione.