Governo ladro : Letta e ministri finanziati da lobby del gioco d’azzardo

Condividi!

C’è la lobby del gioco d’azzardo tra i maggiori ‘sponsor’ del governo Letta. E’ la denuncia di Giovanni Endrizzi, senatore a cinque stelle: “una situazione grigia fra il governo e le industrie del gioco d’azzardo, fatta di finanziamenti indiretti ad aziende che fanno capo ad Enrico Letta.”

Il tutto fa riferimento alle parole di Matteo Iori, presidende di Conagga: “Sette ministri, fra i quali proprio Letta, figurano in una fondazione, la ‘Vedrò’, che è finanziata da Lottomatica e Sisal”. “Letta ha ricevuto – secondo Endrizzi in un intervento al Senato del 22 maggio – 15mila euro di contributi da porsi come titolare di Hbg”, un’altra azienda del business dell’azzardo.

“Bisognerebbe sgomberare il campo da questo alone di dubbio – dice Endrizzi – e invece la gestione dei giochi di azzardo viene affidata ad una persona che è stata pubblicamente elogiata dalle aziende perchè ha aiutato la nascita dei nuovi giochi”. Questa persone è Alberto Giorgetti, già nel corso del governo Berlusconi occupatosi di questo campo, al quale deve essere particolarmente ‘affezionato’.

E l’azzardo è un’emergenza sociale: “Basti pensare che l’8% dei 15enni maschi presenta già modalità di gioco problematiche. Il che significa che spendono i loro soldi in attività ludopatiche e non in attività socializzanti”. Afferma Endrizzi.

“Ma anche non si volesse guardare a questi aspetti umani il gioco d’azzardo è comunque un’azienda in perdita per lo Stato che guadagna una cifra fra gli otto e i dieci miliardi e ne spende molto di più”.

Nonché un altro mezzo con il quale la società amplifica il divario tra ricchi e poveri. Tanti fessi che giocano, e pochi farabutti che guadagnano.




Lascia un commento