E’ il governo del “rinvio”: pagheremo tutto in un colpo solo

Condividi!

Dopo avere rinviato a Ottobre l’Imu, ora il governissimo non eliminerà nemmeno l’aumento dell’Iva, ma pensa di rinviarlo di qualche mese: agli inizi di gennaio 2014.  Il Pdl intanto, partito in totale confusione, torna a pressare l’esecutivo affinché trovi la copertura economica per scongiurare il balzello dell’aliquota dal 21 al 22% e il pagamento dell’Imu sulla prima casa. Dopo avere messo le due cose come condizione sine qua non, ora “prega” il governo di scongiurare l’aumento e l’Imu. Allo sbando.

“Non è un capriccio ma l’obiettivo che ci siamo dati – ha spiegato – siamo al governo per liberare i cittadini dall’oppressione fiscale”. Adesso spetta al ministro dell’Economia terminare la ricognizione sulle fonti di copertura per compensare queste spese. “Le risorse si troveranno – ha assicurato Renato Brunetta – l’Iva non aumenterà, così come sarà eliminata l’Imu per la prima casa. Siamo sicuri che Letta manterrà gli impegni e che dirà una parola di chiarezza”. Parole che di certo non rassicurano nessuno, visto che il rinvio di qualche mese non serve a nulla, se non a rendere poi il problema più grande.

 

 




Lascia un commento