Usa accusavano Cina di hackeraggio, e intanto hackeravano strutture cinesi

Edward Snowden, l’analista della NSA che ha rivelato l’affiare PRISM, ha rivelato al South China Morning Post che resterà ad Hong Kong per combattere possibili tentativi da parte del suo governo di averlo estradato per divulgazione di segreti di stato.

In un’intervista esclusiva effettuata da un luogo segreto della città, l’ex analista della Central Intelligence Agency ha anche fatto affermazioni esplosive: il governo degli Stati Uniti, che da sempre accusa la Cina di attacchi hacker, di avere condotto attacchi simili contro computer a Hong Kong e in Cina per anni.

Su richiesta di Snowden non possono essere divulgati i dettagli su come è stata condotta l’intervista.
Gli Stati Uniti stanno esercitando una forte pressione diplomatica su Hong Kong per ottenere l’estradizione.

“Le persone che pensano che ho fatto un errore nello scegliere Hong Kong come location fraintendono le mie intenzioni. Io non sono qui per nascondermi dalla giustizia, io sono qui per rivelare la verità”, ha detto.

Snowden ha detto che l’NSA ha condotto operazioni di hackeraggio di computer a Hong Kong e in Cina dal 2009. Nessuno dei documenti ha rivelato ulteriori informazioni su sistemi militari cinesi, ha detto.

Gli obiettivi delle operazioni, secondo Snowden, erano l’Università e i funzionari pubblici, le imprese e gli studenti in città. I documenti indicano anche attività di hacking dalla NSA contro obiettivi continentali.

Snowden ha detto che sta rilasciando le informazioni per dimostrare “l’ipocrisia del governo degli Stati Uniti, quando si afferma che esso non ha come obiettivo le infrastrutture civili, a differenza dei suoi avversari”.

“Non solo lo fa, ma ha così paura che questo possa essere reso noto che è disposto a utilizzare qualsiasi mezzo, come l’intimidazione diplomatica, per evitare che tali informazioni diventino pubbliche.”

“Non sono né un traditore né eroe. Io sono un americano “, ha detto, aggiungendo che è orgoglioso di essere americano. “Credo nella libertà di espressione. Ho agito in buona fede, ma è giusto che l’opinione pubblica si formi la propria opinione “.



Lascia un commento