Persecuzioni islamiche: cristiani sotto assedio

Condividi!

Adultery lowerIl sito inglese “La Religione della Pace” (http://www.thereligionofpeace.com/) riporta un elenco impressionante e lunghissimo di atti di violenza contro i cristiani da parte di islamici.

La lista è compilata a partire dall’11 settembre 2001 e tiene conto, quindi, di dodici anni di persecuzioni nei principali luoghi dove l’Islam è seguito dalla maggioranza della popolazione.

Questi atti,” riporta il sito “non hanno niente a che fare con la guerra, combattimenti o rivolte. Le vittime sono Cristiani innocenti che sono stati attaccati unicamente e specificamente per la loro fede, da persone che dichiarano la propria religione come motivo”.

Non si tratta di un quadro completo, perché le violenze spesso non sono documentate (unreported), ma il campionario è molteplice: dalle percosse alla tortura, dalla violenza alle uccisioni, da attacchi-bomba a rappresaglie individuali. E soprattutto non finisce più.

Ci rendiamo conto che è una pubblicazione drammatica, ma è un modo anche per dire: le persecuzioni islamiche esistono davvero contro i cristiani. Non sono frottole. Chi volesse negarle, dovrebbe negare una per una tutte queste violenze.

Beninteso, quasi tutte queste notizie sono state riportate anche dalle agenzie internazionali. Ovviamente, molte rientrano in contesti difficili e complessi, ma non è un motivo sufficiente per diminuirne la gravità.

Gli islamici moderati dovrebbero dissociarsi il più possibile e pubblicamente da questi atti.

I cristiani non sono gli unici perseguitati. Su questo sito è possibile trovare una stima complessiva delle vittime della jihad. È bene prendere queste cifre con estrema cautela.

***

31 maggio 2013

Islamic Terror Attacks on Christians

(Since 9/11)

This is a list of targeted acts of terrorism on Christian civilians and church workers by religious Muslims since September 11th, 2001. These attacks have nothing to do with war, combat or insurgency. The victims are innocent Christians who were specifically targeted and abused solely on account of their faith by those who claim their own religion as a motive.

There may be a few anomalies on the list, as it is compiled by keyword search from our main database. Neither is this a complete account of Islamic terror attacks on Christians since much of the violence goes unreported.

 

Fonte: nocristianofobia.org




Lascia un commento