LA CITTADINANZA DI FOLLONICA NON VUOLE I CAMPI NOMADI…

Condividi!

Come quello che l’ amministrazione comunale invece vuol realizzare nei pressi del parco Acqua Village e vicino alle aree di campeggio per turisti.

I cittadini di Follonica, le categorie economiche con in testa commercianti e gestori di strutture turistiche, vedono nell’ autorizzazione di questo campo nomadi attrezzato da parte dell’ amministrazione comunale, un passo decisivo per lo scivolamento di Follonica verso il profondo degrado. Infatti come e’ possibile la convivenza tra una comunita’ di “nomadi” da sempre ostile ad ogni regola, con strutture turistiche confinanti. Senza contare che questi soggetti attorno ai loro insediamenti creano vere e proprie discariche abusive arrecando ulteriori danni e degrado.

Ora il Comune di Follonica tenta di placare la rabbia dei cittadini, cercando di far rispettare delle regole ai “nomadi”, come l’ obbligo di mandare i figli a scuola ( per favorire l’ integrazione…altre vuote parole…) e vietare alle famiglie “nomadi” interessate al progetto del comune follonichese, di ospitare parenti anche di primo grado per evitare di ingrandire a dismisura il campo nomadi con decine se non centinaia di roulottes e camper, rendendo l’ area ingestibile…

Si tratta di maldestri e patetici tentativi del sindaco e della sua maggioranza , fatti nel tentativo , di placare la rabbia del Follonichesi che si stanno attivando con petizioni popolari con lo scopo di impedire la realizzazione di questo autentico  scempio che mette in pericolo la sicurezza dei cittadini , l’economia ed il turismo di Follonica. Intanto, gli effetti ” perversi ” della realizzazione di questo nuovo campo nomadi attrezzato in localita’ Mezzaluna, stanno gia’ arrivando. Si contano a decine ruolotte e camper presenti a Follonica ed altri mezzi stanno arrivando.

Se il comune di Follonica voleva risolvere il problema “nomadi” e bivacchi abusivi a Follonica, bene, possiamo dire che esso ha completamente FALLITO  e purtroppo di “nomadi” ne arriveranno altre centinaia se non migliaia…..
OSSERVATORE TOSCANO


Fonte: Il Monitore Toscano




Lascia un commento