Usa, bambina in fin di vita: giudice ordina il trapianto

Condividi!

sarah_murnaghan_600

AGGIORNAMENTO

Un giudice federale ha ordinato  all’amministrazione Obama, nella persona del ministro della Salute, Kathleen Sebelius,  di consentire a Sarah Murnaghan, che sta morendo di fibrosi cistica, il trapianto di polmone adulto.

I genitori della ragazza avevano fatto ricorso al giudice, che ha concesso un ordine provvisorio che le permetta il trapianto esenti dalla politica attuale, l’udienza decisiva ci sarà il 14 giugno.

——

Il ministro della Salute di Obama, Kathleen Sebelius, ha respinto l’appello del parlamentare Lou Barletta a nome di una bambina che ha urgente bisogno di un trapianto di polmone – ha 3-5 settimane di vita-, ma non può ottenerlo a causa di un regolamento federale che impedisce il trapianto con organi adulti su bambini con meno di 12 anni.

“Per favore, sospenda queste regole fino a quando non possiamo esaminare questa politica”, ha chiesto Barletta, un repubblicano della Pennsylvania, a Sebelius nel corso di un’udienza martedì. L’appello del deputato era in nome di Sarah Murnaghan, una bambina di 10 anni. La bambina non può beneficiare di un trapianto di polmone fino all’età di 12 anni, secondo le norme federali, ma il ministro della Salute avrebbe facoltà di derogare a tale regola a suo nome. I polmoni pediatrici ai quali avrebbe diritto infatti, non sono disponibili.

“Vorrei suggerire, signore, ancora una volta, che questa è una situazione incredibilmente straziante dove qualcuno vive e qualcuno muore,” ha risposto la ministra con una frase piuttosto infelice. “Le prove mediche ed i medici dei trapianti hanno fatto la regola che si basano sulla capacità di sopravvivenza. ”

Barletta replicato che i medici pensano che la bimba potrebbe sopravvivere ad un trapianto di polmone adulto. Durante lo scambio, ha anche detto che la ragazza ha 3-5 settimane di vita.

Sebelius ha ricordato a Barletta che 40 persone in Pennsylvania sono sulla “lista” per i trapianti di polmone.
Si dovrebbe esaminare “caso per caso”, non in termini burocratici.




Lascia un commento